Inverno possente: il freddo non scherza conferme su conferme

0
243
Inverno possente

Inverno possente: Meteo d’altri tempi, il freddo non scherzerà. Conferme su conferme. Sarà un Inverno d’altri tempi? 

Inverno possente: il freddo non scherza. E’ una possibilità e le probabilità, giorno dopo giorno, stanno crescendo. Continuiamo a credere che gli scenari meteo, da qui a un mese, potrebbero già orientarsi in quella direzione. Sono giorni che vi diciamo di prestare particolare attenzione alle proiezioni stagionali per il mese di dicembre. Le annate memorabili, spesso e volentieri, lanciavano inequivocabili segnali già nelle prime fasi invernali. Non perché facesse subito freddo, attenzione, ma perché le dinamiche atmosferiche suggerivano possibili eventi. Dinamiche che, talvolta, possono manifestarsi a stagione avanzata, ma questo sembra essere l’anno del tutto subito.

Anzi, la nostra convinzione è che nell’ultima decade di novembre possa verificarsi una prima, consistente ondata di freddo. Una possente irruzione artica, destinata a spingersi verso sud coinvolgendo parzialmente o totalmente le nostre regioni. Il grado di coinvolgimento dipenderà dall’evoluzione ciclonica che stiamo affrontando, difatti la ferita mediterranea potrebbe fungere da calamita per l’arrivo del freddo.

Avanza il ciclone sul Mediterraneo: ancora meteo estremo con rischio nubifragi

Italia in balia di nuovo maltempo nel Week End: Ecco tutti i dettagli

Allerta meteo in 5 Regioni domani 6 Novembre

I più attenti, o i più appassionati, avranno notato che i modelli previsionali stanno fiutando qualcosa. Si tratta di proiezioni a due settimane, questo è vero, ma quando iniziano a lanciare ripetuti segnali in una direzione spesso e volentieri ci prendono. Ovvio, assisteremo a naturali correzioni di tiro o a veri e propri stravolgimenti evolutivi, ma crediamo che entro fine mese un profondo scambio meridiano – migrazione anticiclonica a nord e freddo in scivolamento verso sud – sia destinato a decretare l’inizio dell’Inverno su mezza Europa. Mediterraneo compreso.

Ipotizzare, ora, un coinvolgimento più o meno marcato dell’Italia è difficile, se non impossibile. Il nostro è un territorio complesso, influenzato da tutta una serie di variabili climatiche e orografiche che non rendono per nulla semplice il lavoro del previsore. Ciò che conta, al momento, è riuscire a centrare l’impianto evolutivo, il resto si vedrà cammin facendo. Fatto sta che non dovremo trascurare minimamente i segnali provenienti dai centri di calcolo, sarebbe un grosso errore. Le dinamiche atmosferiche parlano chiaro, quest’anno c’è poco da scherzare e l’Inverno potrebbe sfoggiare un fisico possente. Come non si vedeva da tempo.

Fonte: Meteo Giornale