Inverno col botto: festività dell’Immacolata sotto la neve

0
422
Inverno col botto

Inverno col botto: festività dell’immacolata sotto la NEVE. Storia che si ripete. Fugace apparizione della neve nel 2012, con imbiancate diffuse fino in pianura soprattutto sulla Val Padana

L’inverno, sempre più di frequente, parte tardivamente sull’Italia. La prima neve in pianura si fa parecchio attendere, mentre in passato erano più frequenti le grandi ondate di freddo e di neve già da novembre, soprattutto nella terza decade. Un avvio invernale molto rigido risale al 2010 e quindi a poco più di 10 anni fa, momento nel quale stava iniziando uno dei dicembre più freddi della storia, almeno per alcune parti dell’Europa. In gran parte del Continente non si è poi vissuto più un clima così estremo a dicembre per il gelo.

Quest’anno l’inverno è partito puntuale, con neve che ha fatto comparsa a basse quote proprio tra fine novembre e inizio dicembre. Freddo e neve a bassa quota sono attesi anche per l’Immacolata, ma anzi ci sono ampie probabilità della prima diffusa nevicata su parte della Val Padana. L’inverno appare quindi avviato con forza. Tornando indietro di qualche anno, nel fine settimana dell’Immacolata del 2012 l’Italia venne investita dall’assalto delle correnti artiche, per quella che fu la prima corposa ondata di freddo invernale della stagione.

Confermato un effetto rilevante dalla La Niña sul meteo italiano ed europeo

La neve cadde fino a quote basse o localmente anche in pianura sulle regioni settentrionali e parte di quelle centrali. Una fugace comparsa della neve imbiancò anche diverse zone della Pianura Padana, tra cui tutta la Lombardia, poi l’Emilia e le Venezie. In qualche caso la neve fu abbondante, con punte di oltre 10 cm in pianura. Nella foto, il Castello Sforzesco a Milano innevato nella sera del 7 dicembre 2012 (S.Ambrogio). L’8 Dicembre 2012 la minima di Linate fu di -7°C, mentre il 9 si ebbe una minima di -5°C.

Fonte: Meteo Giornale