Invasione russa dell’Ucraina “inevitabile e imminente”

Ad affermarlo è un deputato conservatore britannico

0
374
Guerra Russia-Ucraina: l’Ucraina ha vinto la “Battaglia di Kharkiv”

Il deputato conservatore britannico Tobias Ellwood ha affermato che un’invasione russa dell’Ucraina è “inevitabile e imminente”. Secondo Ellwood, l’Occidente sta facendo troppo poco per contrastare la continua aggressione del presidente russo Vladimir Putin.

L’invasione russa dell’Ucraina è inevitabile?

Nel mezzo delle crescenti tensioni al confine russo-ucraino, il deputato conservatore britannico presidente del Comitato di difesa dei Comuni, Tobias Ellwood, ha affermato che un’invasione russa dell’Ucraina è “inevitabile e imminente”. Parlando al Daily Mail dell’accumulo di truppe russe lungo il confine ucraino, Ellwood ha affermato: “Temo che un’invasione delle forze russe sia inevitabile e imminente e abbiamo permesso che ciò possa accadere. Abbiamo avuto l’opportunità di inviare in Ucraina materiale e personale militare sufficienti per far riflettere il presidente Putin due volte sull’invasione, ma non ci siamo riusciti. La NATO ha rifiutato di piegarsi alle minacce di Putin. Ora sembra che rimanga solo un’opzione”. Ellwood ha poi scritto su Twitter: “La Russia è sull’orlo di un’invasione. E ancora una volta proverà a ridisegnare la mappa dell’Est Europa. La storia si chiederà: perché non abbiamo imparato dalla storia?”.

Truss condanna l’aggressione russa

Il ministro degli Esteri britannico, Liz Truss, ha condannato l’accumulo di truppe russe al confine ucraino e ha invitato Mosca a “fermare la sua aggressione”. “La Russia sta conducendo una campagna di disinformazione intesa a destabilizzare e giustificare un’invasione del suo vicino sovrano, l’Ucraina. La Russia deve fermare la sua aggressione, diminuire e impegnarsi in colloqui significativi“, ha detto Truss. Il ministro ha poi sottolineato che un’invasione della Russia in Ucraina violerebbe “le libertà e la sovranità più basilari”.


Leggi anche: Hackeraggio siti governo ucraino: sospetti sull’Intelligence bielorussa