Intervista semi-seria ai food blogger: Lorenza. Mani, amore e fantasia!

2
969

di Rosy Balzani on Twitter @rosybalzani

Ci risiamo, lo so, non ho proprio fantasia, è che mi è presa la mania delle interviste, e siccome conosco un sacco di belle persone, ho scelto d’intervistare loro, per darvi l’occasione di conoscerle!

Ciao, iniziamo parlando di te : come ti chiami, dove vivi, le tue passioni (oltre al buon cibo) il link del tuo blog :  Ciao, sono Lorenza, sono palermitana doc, attualmente vivo in provincia di Palermo, a Godrano un paese in collina che in inverno vede anche la neve (c’è anche oggi). Amo tutto ciò che è “creatività”, uncinetto, punto croce, cucito, amo dedicarmi alla mia famiglia, ma ultimamente dedico buona parte del mio tempo  all’ultimo nato, scatenando spesso un po’ di gelosia tra i miei cari… Chi è l’ultimo nato? Il mio amatissimo blog dedicato all’ambito in cui riesco ad esprimere al meglio la mia creatività: la cucina. Il blog si chiama Mani amore e fantasia  (http://blog.giallozafferano.it/maniamore/)


Foodblogger : come è nata la tua avventura? Eh… Devo prenderla un po’alla larga…. Tutto è cominciato proprio da un evento fortunoso, ma più che altro “sfortunato”, mi sono tagliata una mano! Che c’entra? C’entra! Mi sono ritrovata con una mano ricucita, fasciata e dolorante, e così, visto che non mi potevo adoperare nelle faccende quotidiane usuali, ho utilizzato la mano funzionante per prendere confidenza col computer, entrato in casa da oltre un anno, ma col quale non avevo nessun rapporto. Ho cominciato a cercare su Google ricette di cucina approdando sistematicamente sul sito di Giallo Zafferano. Mi sono appassionata e di lì al Forum di GZ il passo è stato breve, mi piaceva partecipare attivamente e quando le mani me lo hanno permesso ho cominciato a fotografare quello che cucinavo e a condividerlo sul forum, imparando  contemporaneamente a compiere i primi passi nel mondo tecnologico del pc, termini come copia-incolla, url, screen shot, download, ecc. prima di allora mi erano del tutto sconosciuti. E adesso arriviamo  al blog… Giallo Zafferano “decide” di aprirsi al mondo dei blog diventando esso stesso piattaforma, una piattaforma ad alta propensione culinaria, roba seria insomma… e dal forum parte la proposta… ci ho pensato davvero poco, anche perché una mia cara  Amica mi spingeva già da un po’ in tal senso, e così nel mese di giugno 2010 ho dato vita al mio angolo di web dedicato alla mia passione culinaria.

Il nome del tuo blog : scelta ‘’per caso’’ o ponderata? Assolutamente ponderata…  soprattutto nella scelta della prima parola “Mani”, fondamentali per esprimere creatività, e soprattutto quando non si hanno in cucina “aiuti” come planetaria, impastatrice o “bimbumbam” che “faccio tutto io tumettilepatateiotiimpiattoilpurè”…. La maggior parte delle casalinghe italiane ha solo quelle a disposizione, le mani… proprio come me!

Ci sono ricette della tua città, o superclassiche, che hai ‘’reinventato’’ ? Le ricette di Palermo quelle sono e quelle restano, pasta con le sarde, arancine, panelle, sfincione, caponata, a cui dedico ampio spazio nel blog, non possono essere rivisitate, in questo sono molto tradizionalista. Altre ricette classiche invece sono state oggetto di rivisitazione da parte mia, un esempio sono i Kranz, tipici dolci austriaci, che ho trasformato in nastrine home made, o il classico salame di cioccolato fondente di cui ho proposto una versione in bianco molto apprezzata.

Comfort food, ci credi? Quali sono secondo te? Premettendo che secondo me tutto il “food” è “comfort”…. Si, credo nel comfort food, a seconda delle stagioni però:  durante l’inverno  nulla di più confortante è un buon piatto di caldi e fumanti legumi misti con farro o riso…. mentre la stagione estiva è sinonimo di gelato o cheesecake  fredde alla frutta o perché no un fettona di anguria ghiacciata.

Un piatto che rappresenta te, e la tua vita professionale : Tutti i piatti della cucina tradizionale siciliana, palermitana in particolare.

Facciamo due passi ‘’a casa tua’’, dove ci porteresti a colazione, pranzo e/o cena? Colazione in terrazza con vista sulla valle sormontata dalla bellissima Rocca Busambra, niente di meglio per un risveglio sereno…. Pranzo e cena tutti intorno al tavolo in cucina, l’ambiente che preferisco, caldo, intimo, familiare per eccellenza.

Il pasto perfetto, in 3 aggettivi…. Godurioso, abbondante e sano… ma non so quanto questi aggettivi possano andare d’accordo nello stesso piatto…

Hai una tua ‘’ricetta della felicità’’? Solo tre ingredienti: salute, serenità e allegria, tutto in abbondanza.

Forma o sostanza? In cucina, cosa vale di più? Assolutamente sostanza, con un occhio alla forma, non credo assolutamente a quei piatti dove un odore di filetto fa capolino su un letto (ino) di vellutata di qualcosa, mah! Bello da vedere (forse) ma alla fine tutti vogliamo alzarci da tavola soddisfatti nei sensi e soprattutto nella pancia!


Cosa ne pensi del fiorire di tante trasmissioni televisive su cuochi e cibo? Per me che amo cucinare spesso sono fonte di idee e ispirazione, soprattutto quelle organizzate in modo intelligente, il cibo è una di quelle cose di cui non puoi fare a meno, in qualche modo tutti a pranzo e a cena dobbiamo portare qualcosa in tavola, quindi ben vengano le idee per provare a proporre cose nuove anche con gli stessi ingredienti… la cucina è come la musica, si può riuscire  a cucinare pietanze sempre diverse utilizzando i medesimi ingredienti così come sette note organizzate in maniera diversa danno vita a  melodie sempre nuove.

In questi ultimi anni è tutto un fiorire di blog sulla cucina, programmi tv, eventi, a cosa è dovuta secondo te, tutta questa attenzione al cibo? Per i blog vale quanto ho detto sopra, il web ormai la fa da padrone al pari della tv, lo spirito di condivisione e la voglia di essere in qualche modo protagonisti spingono in questo senso, l’importante è che la voglia di protagonismo  non prevalga.

Cucina è mettere in gioco i 5 sensi : cioccolato, fa rima con….“leccato”  sono assolutamente convinta che se “non ti lecchi le dita, godi solo a metà”!

Tre canzoni che ami ascoltare mentre cucini… Tutta la colonna sonora di uno dei miei film preferiti “CHOCOLAT”!

Ci sono blog di cucina che leggi/segui? Se sì, quali, e perché proprio loro? Uno su tutti “Araba felice in cucina” di Stefania, e se nomino lei non si offende nessuno, credo sia una tra le  più amate della foodblogosfera, una lettura scorrevole, piacevole, sempre divertente, mai noiosa, le ricette sono quasi un optional, ma tutte buonissime e realizzabili.

Come pensi evolverà il tuo blog, nel prossimo futuro? Diventerà il numero uno in Italia, sarà tra i più visitati del web, e le aziende faranno a gara per vedersi ospitare gli annunci nelle mie pagine…. Oooooops… è già passato Carnevale? Ok…. Non ho un idea ben precisa, una cosa che metto sempre in pratica è la filosofia del “carpe diem”, seguitemi e lo vivremo insieme!

Se tu fossi : un ingrediente, una spezia, un dolce, quali saresti? Se fossi un ingrediente vorrei  essere il prezzemolo, mi si troverebbe dappertutto…  una spezia, la noce moscata, un profumo e un aroma inconfondibili, si riconosce tra decine di ingredienti, io la uso spesso…. Un dolce, il cannolo siciliano, chi ne ha fatto “esperienza” difficilmente lo dimentica e non vede l’ora di gustarlo nuovamente.

Hai progetti specifici a cui ti stai dedicando, in cucina o altrove? Nulla di importantissimo, ma da qualche settimana ho dato vita a una raccolta di ricette sul blog, alla quale tengo tanto, e cioè ricette di altri blogger e di “gente comune” (non blogger) spiegate dettagliatamente e corredate di foto passo passo, che spero di rendere scaricabile tramite pdf. Il mio intento è quello di far mettere le “mani in pasta” anche a chi non ha mai acceso un fornello, proponendo una cucina accessibile a tutti. Colgo l’occasione per invitare tutti i lettori a visionare il regolamento sul blog e a partecipare numerosi,  mandatemi le vostre ricette, quelle che “megliodimenessuno”, quelle che proponete agli ospiti quando andate sul sicuro e non falliscono mai.

Un paio di consigli, per i cuochi alle prime armi : Premetto che sono una cuoca solo in quanto donna che cucina….. il mio consiglio è quello di rubare con gli occhi quando cucinano le nonne, le zie, le mamme… quelle non falliscono mai, e avrete buone basi dalle quali partire per la vostra avventura!

una curiosità : il tuo biglietto da visita, come l’hai scelto? Sai che non ho un biglietto da visita? Il mio biglietto da visita sono le mie ricette!

Regaleresti una tua ricetta alle nostre lettrici, ai nostri lettori, per far colpo nel giorno di San valentino? Ben volentieri, anzi raddoppio…. La prima è una ricetta classica come il tiramisù, ma servito in versione monoporzione a forma di cuore, la seconda è  una delle ultime ricette che ho pubblicato,  dei tartufini di cioccolato all’arancia che potrete rendere più “piccanti” aggiungendo agli ingredienti  un pizzico di peperoncino , un’idea che mi è venuta proprio in questo momento e che vi regalo in anteprima, se non fate colpo con questi, pensateci bene!

Lorenza, che ne dici se prendo il primo volo  e sono a cena da te? 😀

 

Commenti