A Firenze libro aperto, tenutosi lo scorso settembre, abbiamo incontrato Marco Cibecchini, uno scrittore emergente e autore di due libri che di certo non passano inosservati.

All’età di 60 anni, precisamente nel 2008, decide di tuffarsi in questo nuovo e magico mondo dell’editoria sbarcando con il suo primissimo libro “Oltre la scelta”.

Un libro forte adatto ad un pubblico adulto che andremo ad analizzare nel dettaglio più tardi.

Successivamente, nel corso del 2016, procederà a scrivere un secondo libro intitolato “Altea, l’altra donna”.

A differenza del precedente, questo nuovo libro di Marco Cibecchini sarà più fluido, a tratti quasi divertente in grado di strappare un sorriso al lettore.
Sono due libri che trattano entrambi temi forti, temi di attualità, in cui lo stesso autore cerca di indentificarsi nella visione del mondo dal punto di vista femminile.

Per attuare ciò al meglio, Marco stesso ci rivela di aver chiesto spesso una mano a sua moglie.

Vincitore del premio Tarquinia edizione 2018 si racconta in una video intervista disponibile per intero da qui.

Spesso risulta difficile trovare una collocazione a questi due libri che navigano nella sezione della psiche femminile, nell’universo femminile penetrando qualvolta nell’eros, nella visione erotica senza alcun limite, ma lo scrittore è in grado di darci una categorizzazione precisa.

Oltre la scelta: Trama

Oltre la scelta si presenta come un libro molto difficile, arduo e crudo da poter leggere.

Tratta di violenza, di stupro ma soprattutto di dolore. Catapultati in un mondo non nostro, ogni lettore si sentirà di vivere le stesse sensazioni della protagonista, ogni emozione, ogni sentimento, tutto sarà vero.

Grazie alle capacità straordinarie di Marco Cibecchini sarà facile immedesimarsi nella figura della donna.

Lei, il quale nome non verrà mai svelato, si troverà rinchiusa in uno scantinato per mesi interi da un rapitore dal volto sconosciuto.

Scoprirà i suoi limiti ma scoprirà di poter andare oltre i suoi stessi limiti, troverà il coraggio e scoprirà il vero significato della paura, del terrore.

Ogni lettore si sentirà spoglio, spoglio da ogni sicurezza, da ogni certezza ma soprattutto privato della propria libertà di scegliere, come la donna stessa.
Da un finale del tutto inaspettato, Marco Cibecchini riuscirà a trattenere il lettore con il fiato sul collo per tutta la durata dell’opera.

Altea, l’altra donna: tutto quello che c’è da sapere

Il secondo libro scritto da Marco Cibecchini si intitola “Altea, l’altra donna”.

Una lettura più semplice, meno impegnativa e leggera rispetto al testo precedente, anche se pure in questo caso, lo scrittore sarà in grado di tenerci attaccati al libro fino al grande finale.

Il libro racconta la storia di Altea, una giovane fotomodella che cambierà vita dopo un incontro importante.

Diventerà amante, confidente, amica e molto altro ancora per Bruno, direttore di un’azienda importante e marito di Valentina.

Altea scoprirà cosa è l’amore in ogni sua sfaccettatura. Saprà aiutare e risolvere i problemi matrimoniali di Bruno, il quale non sarà altro che un semplice pedina di un gioco pericoloso.

Di questi tempi Marco Cibecchini si presenta come uno scrittore coraggioso e determinato a mostrare opere di un certo carattere, spesso argomento di tabù.

Per vedere l’intera intervista per intero vai qui.

Articoli correlati:

  1. Cosa fare in pensione? Scrivere un libro. Intervista a Paolo Orsini
  2. Festival del libro: “il cerchio degli artisti”, quando la passione non sempre viene premiata
  3. Lo sfasciafamiglie, intervista all’autore Stefano Regolo


Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here