Interviene l’Auschwitz Memorial: ‘Indignazione’ per Meluzzi

Auschwitz Memorial

0
353
Alessandro Meluzzi

Dopo l’intervento dell’Auschwitz Memorial, Meluzzi cancella il fotomontaggio sul lager. E’ giunta la rimozione del fotomontaggio che ha provocato grande indignazione. Il protagonista di questa pagina è Alessandro Meluzzi, noto psichiatra di molte trasmissioni Mediaset. Il messaggio ”Andrà tutto bene”. Indignazione o sensibilizzazione?

Meluzzi, il fotomontaggio “Andrà tutto bene” cancellato dopo la risposta dell’Auschwitz Memorial

Dopo l’intervento dell’Auschwitz Memorial il fotomontaggio di Alessandro Meluzzi viene immediatamente eliminato. E’ lui stesso ad eseguire la rimozione non proclamando scuse. Un messaggio che sta tutt’ora provocando indignazione e punti di domanda. Alessandro Meluzzi, un noto psichiatra ospitato in numerose trasmissioni Mediaset con ruolo di esperto opinionista. Alessandro posta sulla propria pagina Twitter un fotomontaggio di uno scatto che ognuno di noi conosce benissimo.

Per diverse ore il fotomontaggio è rimasto online. La scritta esposta sul famoso cancello nel campo di concentramento di Auschwitz, Arbeit macht frei (il lavoro rende liberi) sostituita con ‘Andrà tutto bene’. Compare così compariva il motto che ha accompagnato l’Italia nella prima e difficile fase della pandemia: << Andrà tutto bene>>.

Prima dell’intervento dell’Auschwitz Memorial la mossa di Meuzzi è rimasta sotto gli occhi di tutti per diverse ore. Una domanda sorge spontanea. Qual è l’obiettivo dello psichiatra? Quale messaggio vuole inviare agli italiani? Il giudizio collettivo ”Gioca con i simboli del nazismo”.


Piotr Cywinski, direttore del museo di Auschwitz-Birkenau: “Supporto per il 13enne nigeriano”


Qual è il commento dell’Auschwitz Memorial?

Il commento del memoriale: ”Certe cose feriscono le persone. E’ irrispettoso verso la memoria delle vittime e causa dolore ai sopravvissuti che sono stati spinti ad attraversare a piedi questo cancello. Non si dovrebbe strumentalizzare la sofferenza di persone uccise per farsi pubblicità”. La questione ha fatto il giro del mondo.

Questa è stata la riposta di Alessandro Meluzzi: ”Certamente non è un Tweet creato da me. Non lo ricordo neppure. Tendenzialmente ritwitto anche gli insulti personali a me per stimolare la discussione”. Alla luce di questa affermazione il tweet è stato rimosso ma senza alcuna scusa. Il fotomontaggio non esiste più. Almeno sulla bacheca dello psichiatra ospite dei salotti televisivi di Mediaset. A rimuoverlo non è stato Twitter. Ma come evidenziato e compare sui social, a cancellarlo è stato lo stesso Meuzzi. Non ha aggiunto nessun commento a ciò.


La famiglia Ovitz, sopravvissuta ad Auschwitz


Meluzzi vs Adinolfi: ‘Negazionismo sulla pedofilia è pericoloso come sul nazismo’

Commenti