AI: intelligenza artificiale, migliora le cure e l’assistenza

Per AI si intende generalmente l'abilità di un computer di svolgere funzioni e ragionamenti tipici della mente umana.

0
299
AI

L’intelligenza artificiale o AI (Artificial Intelligence), consente numerose applicazioni in campo sanitario. Esistono degli studi che indicano la data del 2025 come periodo in cui il PIL arriverà al 20% solo considerando la spesa sanitaria. Nel frattempo, i medici lavorano sempre più alacremente per curare i pazienti. Ma la carenza di professionisti in questo settore continua a crescere. Inoltre molti medici, colpa del tanto lavoro, non riescono ad intervenire in altri comparti. Non riescono a fornire ulteriore disponibilità.

Non molto tempo fa l’AI appariva come una minaccia alla professione. Si credeva che avrebbe sostituito il lavoro dell’uomo. Adesso questa teoria è stata ribaltata. Favorendo l’introduzione di questa nuova tecnologia. In realtà l’intelligenza artificiale potrebbe servire a completare in modo molto preciso un lavoro particolarmente delicato. O magari anche solo aiutando l’uomo nello svolgimento. Un assistente speciale.

È utile capire quali caratteristiche presenta l’uso dell’intelligenza artificiale. Quale aiuto possa fornire.

Velocità con AI

L’AI è utile, per esempio, per identificare automaticamente i sospetti di occlusione di grandi vasi. Grazie all’imaging angiografico in pochi minuti è possibile intervenire. Con interventi tempestivi. In media, i pazienti, in breve tempo sono passati dall’essere costretti a letto, a uscire dall’ospedale. Senza assistenza.

AI Economica

La spesa sanitaria continua a crescere. Avere dei sistemi che consentano un risparmio sicuramente rappresenta una grande occasione. Esistono sistemi che utilizzano l’apprendimento automatico. O la visione computerizzata per identificare la morfologia. Può caratterizzare rapidamente i tipi di cellule. Solo attraverso una piccola puntura. Prelevando una goccia di sangue dal dito.

Potenzialmente l’AI è in grado di far risparmiare migliaia di euro all’anno per paziente. Riducendo i ricoveri ospedalieri. Rilevando in precedenza eventi avversi dai frequenti test. Mantenendo i pazienti in modo sicuro conformi alle terapie necessarie. Questa tecnologia viene utilizzata ogni giorno da migliaia di pazienti in tutto il paese. Oltre a risparmiare denaro, l’intelligenza artificiale consente ai pazienti chemioterapici di ottenere risultati importanti. Rimanendo comodamente nelle proprie case. Riducendo lo sforzo e il rischio (specialmente durante questa pandemia) delle visite in ospedale. Grazie all’intelligenza artificiale esiste una tecnologia, per esempio, che permette di ridurre il tempo di documentazione da parte dei medici. 

Precisione dell’AI

Il 2020 è iniziato alla grande con l’annuncio che Google IA potrebbe superare i medici per alcuni tipi di rilevamento del cancro al seno. Inoltre l’intelligenza artificiale può intervenire sviluppando un potere decisionale. Spesso non si riuscirebbe ad averlo in poco tempo e con precisione. Analizzando dati precisi si potrebbe capire se rimandare procedure ospedaliere di non emergenza. Nel corso della pandemia, per esempio. Decisioni accurate, veloci e basate su grandi quantità di dati.

IA per la salute

L’interazione di velocità, costo e precisione può fare cose straordinarie per i pazienti. Tuttavia è spesso insufficiente per avere un impatto significativo sulla cura del paziente. Esistono numerosi software in commercio. Potrebbero aiutare determinate operazioni dell’uomo nelle quali si richieda precisione. Specialmente in campi che coinvolgono la diagnosi visiva. Questi prodotti dovrebbero però poter affrontare un protocollo comune. Per poter dialogare con altri sistemi e nel rispetto della privacy.

In definitiva, è estremamente importante portare una relazione precisa oltre ai miglioramenti clinici. Le aziende sono in grado di sfruttare l’intelligenza artificiale per migliorare i risultati dei pazienti. Ma dovrebbero anche produrre dati e grafici. Nei quali risulti un reale risparmio nell’utilizzo dell’intelligenza artificiale.

Commenti