Integratori alimentari: come intendere correttamente l’utilizzo di questi prodotti

0
259

Gli integratori alimentari sono dei prodotti ormai molto comuni: in commercio è possibile trovarne di ogni tipo e per qualunque esigenza, inoltre il fatto che sono acquistabili praticamente ovunque, dalla farmacia al supermercato, dalla palestra all’e-commerce, contribuisce ad accentuare ulteriormente la loro diffusione.

Premesso che, ovviamente, ogni singolo prodotto andrebbe analizzato nel dettaglio, è possibile chiedersi a livello generale quali siano le peculiarità di questi prodotti, o meglio, quale sia il corretto modo di intenderli e di utilizzarli.

In troppe occasioni, purtroppo, gli integratori vengono utilizzati in modo improprio, oppure riponendo nei medesimi delle aspettative poco realistiche, cerchiamo dunque di capire qual è il modo corretto di approcciarsi al loro utilizzo.

Che cosa significa “integratore” alimentare?

Per comprendere cosa siano gli integratori e quale sia il modo corretto di utilizzarli, è sufficiente soffermarsi sul termine con cui sono definiti: questi prodotti hanno appunto la finalità di integrare, ma di integrare che cosa?

La nutrizione, ovviamente, proviene dall’alimentazione: è dai nostri pasti, infatti, che dovremmo reperire tutte le sostanze di cui il nostro organismo ha bisogno, in maniera bilanciata.

Non è raro, tuttavia, che una persona faccia i conti con uno scarso apporto di un determinato nutriente: questo può essere dovuto ad una particolare condizione del suo organismo, la quale comporta appunto un incrementato fabbisogno della sostanza in questione, oppure al fatto che una persona non usi mangiare, magari per via di intolleranze o per semplice gusto, determinati tipi di cibi, rendendo così la propria dieta meno bilanciata.

In casi simili, appunto, può essere opportuna un’integrazione con dei prodotti specifici, e da questo punto di vista, ovviamente, è fondamentale il ruolo del nutrizionista, sia nel riscontrare la carenza della sostanza in questione, sia nel suggerire degli integratori specifici.

Immaginando, ad esempio, che una persona riscontri una carenza di vitamine del gruppo B, può utilizzare un integratore alimentare specifico come B Plus, facilmente acquistabile anche in rete presso farmacie online come Farmaregno.

Gli errori più comuni nell’uso degli integratori

Gli integratori, è utile sottolinearlo, non sono farmaci, di conseguenza sono privi di effetti collaterali importanti, ciò non significa, però, che si possano utilizzare in maniera arbitraria.

Errori comuni sono quelli di credere che l’utilizzo di un integratore sia in tutti i casi positivo per l’organismo, a prescindere da quali siano i propri effettivi bisogni, oppure credere che un integratore alimentare possa compiere degli autentici miracoli.

Questa distorsione della realtà ricorre piuttosto frequentemente negli integratori dietetici che spesso, per ragioni di marketing, sono presentati come una soluzione in grado di garantire risultati a prescindere da quali siano le proprie abitudini e il proprio stile di vita. Nulla di più sbagliato.

Anche in ambito fitness l’abuso di integratori, purtroppo, è piuttosto comune, soprattutto per quel che riguarda gli integratori proteici.

Chi pratica body building ha, effettivamente, un incrementato fabbisogno di proteine, peraltro utilissime per la produzione di nuova massa muscolare, ma eccedere nelle quantità non aiuta: l’organismo non può assimilare più proteine del dovuto, di conseguenza l’utilizzo eccessivo di integratori non apporta alcun beneficio.