Instagram: novità “foto sensibili”

0
307

Il social network più in voga del momento introduce una novità nel suo sistema già fin troppo innovativo: un filtro speciale che oscura ogni tipo di foto dal contenuto ritenuto poco idoneo dai “genitori” di Instagram. Non si tratta di foto scorrette o inappropriate, ma semplicemente di immagini che talvolta potrebbero urtare la sensibilità di chi le guarda.

Recentemente, il mondo di Instagram aveva lanciato l’idea delle “stories”, un vero e proprio aggiornamento in tempo reale sulla propria vita a suon di foto e video che appaiono sul profilo personale per poi scomparire nel giro di 24 ore e poter ricominciare a raccontare la propria vita daccapo ai curiosissimi spettatori di Instagram. Una novità dal successo straordinario che aveva stregato proprio tutti: niente più segreti, niente più privacy, ma solo un circolo vizioso in cui ci si insinua silenziosamente nelle “storie di vita” altrui.

Molto probabilmente, spesso si osa troppo, lasciando trapelare dei contenuti inappropriati, poco consoni al pubblico. A tutto c’è un limite, vogliono dire i creatori di Instagram, sicché mettere dei freni o semplicemente dei campanelli d’allarme in una realtà virtuale che spesso lascia perdere il controllo, non può che far bene. Nasce, cosi, il filtro delle “foto sensibili”, con cui non si vieta di pubblicare in piena libertà una determinata foto, ma si pone a questa una sorta di oscuramento. Spetterà al visitatore Instagram decidere se cliccare sul contenuto oscurato per visualizzare l’immagine oppure lasciar correre e non farsi tentare dalla curiosità dilagante.

È senz’altro un paletto di sicurezza, uno strumento per preservare la sensibilità altrui quello che il mondo di Instagram ha voluto adottare. Tuttavia, siamo davanti a una società in cui spesso la realtà virtuale rimpiazza drasticamente quella reale: un semplice e innocuo ammonimento non basterà per frenare l’impellente necessità di condividere col mondo la propria vita, sia pubblica che privata, e lasciare che tutti gli altri possano letteralmente spiarla.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here