Inserite due Foreste Vetuste tra il Patrimonio Mondiale dell’Umanità

0
204
Inserite due Foreste Vetuste

Inserite due Foreste Vetuste come patrimoni mondiali dell’umanità. Le faggete di “Valle Infernale” nel Parco Nazionale d’Aspromonte e di “Sfilzi” nel Parco Nazionale del Gargano gestite e custodite dai Carabinieri forestali .

Le faggete vetuste demaniali di “Valle Infernale” nel Parco Nazionale d’Aspromonte e di “Sfilzi” nel Parco nazionale del Gargano, gestite dal Raggruppamento Carabinieri Biodiversità, sono state iscritte nella lista dei patrimoni mondiali dell’Umanità nell’ambito del sito seriale “Ancient and Primeval Beech Forests of the Carpathians and Other Regions of Europe”.

Dopo il parere positivo espresso dall’IUCN (International Union for Conservation of
Nature), nel corso della 44 a sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale Unesco del 28 luglio 2021, sono stati riconosciuti i caratteri ecologici peculiari delle due faggete, dove la foresta temperato-decidua incontra quella sempreverde mediterranea in condizioni ambientali molto differenti.

Tale espansione ha permesso l’inclusione nel sito seriale Unesco costituito dalla rete delle
“faggete vetuste d’Europa” di due aree di rifugio glaciale caratterizzate una per la collocazione più meridionale (Aspromonte) e l’altra a più bassa quota altimetrica (Sfilzi).

San Vito Lo Capo (Trapani) – Brucia la riserva dello Zingaro, Ferito un operaio…

Cos’è il Devastante “Bootleg Fire”: perché è stato scatenato dai cambiamenti climatici

San Gio­van­ni Gual­ber­to Pa­tro­no dei Fo­re­sta­li d’I­ta­lia fe­steg­gia­to a Val­lom­bro­sa

Grazie all’azione di tutela integrale svolta per decenni prima dal Corpo forestale dello Stato e ora dai Carabinieri forestali, in queste faggete l’equilibrio è assicurato dai cicli naturali con alberi annosi che muoiono per eventi naturali, lasciando spazio e luce per nuove generazioni di piante, in una alternanza che rende la foresta più resistente alle perturbazioni esterne e ai cambiamenti globali.

Queste faggete vetuste rappresentano, infatti, dei veri e propri laboratori naturali dove
vivono alberi adattati a superare estati calde siccitose. In queste foreste, sotto il coordinamento scientifico dell’Università della Tuscia, si sta studiando la capacità dell’ecosistema vetusto di rispondere al cambiamento climatico e di conservare la biodiversità.

Nel complesso il riconoscimento odierno certifica un modello di governance delle
aree protette di eccellenza reso possibile da una stretta sinergia e collaborazione tra Parchi nazionali, Carabinieri forestali e Università, modello che distingue l’Italia nello scenario europeo.

Le faggete di “Valle Infernale” nel Parco nazionale d’Aspromonte e di “Sfilzi” nel Parco Nazionale del Gargano gestite e custodite dai Carabinieri forestali rappresentano un’eccellenza italiana e un modello sinergico di collaborazione tra istituzioni e ricerca scientifica.