Ingenuity Mars si prepara a spiccare il volo

0
390
Ingenuity Mars

Ingenuity Mars, l’elicottero sbarcato su Marte con Perseverance, è pronto a lasciare il nido ed a sorvolare le dune del Pianeta Rosso.

Ingenuity Mars: quando spiccherà il volo?

La data prevista è l’11 aprile. Ingenuity Mars, piccolo elicottero sbarcato con il rover Perseverance su Marte, diventerà il primo velivolo a motore a sorvolare un pianeta alieno. La NASA si augura che il suo sottile robot elicottero dimostri che il volo a motore è possibile nell’aria sottile di Marte. Se tutto andrà come deve, il successo di INgenuity aiuterà a inaugurare una nuova era di esplorazione planetaria. Un’era in cui i droni svolgeranno un ruolo di primo piano. Il velivolo del peso di 4 libbre, e del costo di 85 milioni di dollari, si solleverà di circa 10 piedi. Si librerà quindi in volo, andando non più in alto del bordo di un canestro da basket regolamentare, prima di toccare di nuovo terra. L’intero volo dovrebbe durare non più di 90 secondi.

Ingenuity Mars: sono cinque le escursioni previste

La breve escursione sarà solo la prima delle cinque programmate nel lungo periodo di 30 giorni. In futuro, dicono gli addetti ai lavori, droni autonomi come Ingenuity Mars potrebbero costituire l’avanguardia dell’esplorazione di mondi alieni. Prenderebbero il volo per esplorare canyon, calotte glaciali e altri terreni inaccessibili ai rover come Perseverance. Se gli astronauti dovessero mai sbarcare su Marte, potrebbero usare i droni per mappare una o più aree. “Speriamo che Ingenuity ci permetta di espandere e aprire la mobilità aerea su Marte”, ha dichiarato Bob Balaram, ingegnere capo del progetto presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA.

L’esplorazione

Come Perseverance, anche Ingenuity Mars dovrà cercare tracce di vita passata presenti su Marte. L’elicottero ha un sistema di guida autonoma, vista la proibitiva distanza che lo separa dalla Terra. Dovrà poi orientarsi usando il Sole, dato che Marte risulta sprovvisto di un campo magnetico. Per alimentarsi usa poi batterie agli ioni di litio, che sono ricaricabili tramite celle fotovoltaiche.

Commenti