Si è tenuto ieri mattina il corner “Infopoint” del comitato Scuole Nuove e Sicure di Serramazzoni e il Codacons.

Un gazebo, dei volontari e la possibilità di contribuire economicamente alla causa, per sostenere l’idea di strutture sicure e nuove per i bambini del paese.

“È andato tutto come da copione, ma con qualche piacevole sorpresa in più”, spiega Stefano Mapelli, presidente del comitato.

“Le persone chiedevano più aggiornamenti sulla situazione che informazioni sulla causa, segno che il paese sa ed è a conoscenza della situazione”.

Ad aggiornare gli interessati era presente il presidente Fabio Galli per il Codacons.

“Avremo in mano le perizie di parte sulle scuole, elementari, medie ma anche sulla materna, la prossima settimana. Se dalle perizie non si evinceranno segnali d’allarme ne saremo molto felici. Al contrario, se le perizie metteranno il luce criticità, abbiamo la ferma intenzione di andare in fondo alla questione”.

A caratterizzare l’evento ci sono stati due fattori – spiega poi Stefano – le visite presso il Gazebo di diversi insegnanti e le somme versate come offerta libera dai passanti. Davvero una sorpresa, anche se devo dire – prosegue il presidente del comitato – che il paese aveva già dato nelle scorse settimane un segnale forte di solidarietà attraverso i contributi economici dei commercianti e la partecipazione dei genitori per la raccolta delle offerte.

Insomma, un gazebo come tanti, in un paese come tanti.

Ma dietro quel gazebo c’è una storia che vede genitori uniti, che non vogliono rischiare, perché di comitati per le scuole sicure ce ne sono tanti, molti nati da tragedie.

Le persone che compongono il comitato Scuole nuove e sicure di Serramazzoni sono genitori che stanno chiedendo a gran voce quello che di fatto è un diritto: il diritto alla sicurezza.

Quello di sabato mattina è un buon esempio di senso civico, una bella storia di partecipazione attiva per la collettività. Ma soprattutto di partecipazione attiva a tutela dei nostri bambini.

 

Condividi e seguici nei social
error

1 COMMENT

  1. Nell’articolo chiaro e sincero emerge la voglia di sicurezza per i propri figli e trasparenza da parte di chi prende le soltite decisioni per interessi vaghi!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here