Alta tensione è quella che si respira tra India e Pakistan. Nelle ultime ore, tra i due paesi c’è stato uno scambio di colpi che ha portato ad un bilancio di quattro morti.

Si riaccende lo scontro tra India e Pakistan: quattro morti
Si riaccende lo scontro tra India e Pakistan: quattro morti

Il 14 febbraio si è verificato un attentato ad una caserma militare nella zona dello Jammu Kashmir. Da allora Nuova Delhi accusa Islamabad di non tener a bada le organizzazioni terroristiche sul territorio. Le accuse di terrorismo hanno aperto la strada ad uno scontro tra stati senza esclusione di colpi. Utilizzo della contraerea e chiusura dello spazio aereo, compresi.

Scontro aereo tra Pakistan e India, con la chiusura dello spazio aereo.
Lo scontro tra Pakistan e India vede l’utilizzo della contraerea

Già da giovedì scorso, il Pakistan ha sospeso i collegamenti ferroviari con l’India, bloccando molte famiglie indiane alla stazione di Lahore, da cui sono state bloccate le corse dirette a Nuova Delhi. Mentre il giorno seguente due velivoli indiani sono stati abbattuti in territorio sotto il controllo pachistano; questo sarebbe accaduto dopo che truppe indiane avrebbero sparato colpi di mortaio nel Kashmir causando morti tra i civili. Qualche giorno prima, invece, era stata la volta di un raid indiano che aveva colpito una base, ritenuta di addestramento, in territorio pachistano.

Il Pakistan riferisce di due jet indiani abbattuti
Resti del jet indiano abbattuto e precipitato in Pakistan

Alcuni video riprendono i civili esultare attorno ai resti del caccia indiano precipitato, d’altronde la tensione tra India e Pakistan non è un mistero: i due paesi si sono fronteggiati in ben tre guerre negli ultimi 70 anni (1948, 1965, 1999). Il pilota alla giuda del caccia è stato catturato dalle forze pakistane.

Nelle piazze indiane si sono svolte proteste per chiedere l’immediata liberazione del pilota catturato, mentre il premier Modi si confrontava col ministro degli Esteri sui probabili passi militari da attuare.
La mano l’ha tesa, invece, il premier pakistano Khan. Islamabad ha infatti annunciato e attuato venerdì il rilascio del pilota indiano. Ma la situazione è rimasta tesa: nella capitale pakistana, alcuni manifestanti hanno dato alle fiamme la bandiera dell’India.

Alcuni manifestanti pakistani hanno dato alle fiamme la bandiera dell'India dopo l'innalzamento della tensione tra i due stati.
Il rogo di alcune bandiere dell’India da parte dei manifestanti in Pakistan

Il Pakistan ha riaperto nelle ultime ore lo spazio aereo, ma la distensione tra i due paesi è ancora lontana. Le ultime notizie riferiscono di uno scambio di colpi di artiglieria tra India e Pakistan, lungo il confine del Kashmir, che hanno portato ad un bilancio di quattro morti: due fratelli, la loro madre e un ragazzo.

Centinaia di persone hanno scelto, perciò, la via della fuga e stanno abbandonando il territorio di confine, conteso da due potenze, quelle di India e Pakistan, che dispongono entrambe di armamenti nucleari.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here