India ira del governo: Rihanna sostiene proteste contadini

Solidarietà anche da Greta e dalla nipote di Kamala Harris

0
772
rihanna

India ira del governo, viene descritta come una vera e propria ira, quella della nazione indiana nei confronti della pop-star Rihanna. La Bbc riporta, un tweet di sostegno alle proteste dei contadini, fa immediatamente il giro del mondo, scatenando alcune reazioni anche tra personaggi famosi. Al tweet di Rihanna di oltre 100 milioni di follower, sono seguiti quelli Greta Thunberg (Solidarietà alle proteste dei contadini in India) e della nipote della vicepresidente Usa Kamala Harris, Meena.

India ira del governo: cosa riporta il tweet?

Le parole della pop-star Rihanna risultano dirette e ben chiare, riporta: ”Perché’ non stiamo parlando di questo?”. La pop star trascrive il tutto sopra al link di un articolo della Cnn, sui violenti scontri durante le manifestazioni degli agricoltori la settimana scorsa.   


Matrimoni in India: l’onere finanziario sulle famiglie più povere


Cosa succede in India?

India ira del governo, sono mesi in cui si trova in uno stato di allerta, causa le diffuse proteste degli agricoltori, per dissenso delle nuove leggi agricole approvate dal governo Narendra Modi. Una rivolta, quella dei contadini, già organizzata. Più di duecento sindacati agricoli di ventidue stati indiani, organizzano un blocco stradale nazionale contro la riforma. Modi viene accusato di avvantaggiare le multinazionali a discapito degli agricoltori. Un sistema, che garantisce grande potere economico ai governi locali, di fatto principali distributori dei prodotti agricoli del territorio di pertinenza.


I contadini in India continuano a protestare


Reazione immediata del governo indiano

Risulta immediata la reazione del governo indiano. In una nota il ministero degli Esteri accusa ”personaggi stranieri” e ”celebrities” di ‘‘sensazionalismo”. Il parlamento, si legge nel comunicato, approva “una riforma del settore agricolo” dopo un ampio dibattito. ”Ricorrere ad hashtag e a commenti sensazionalistici sui social media, non è né accurato né responsabile”.