In Afghanistan stanno scomparendo le attiviste per i diritti delle donne

0
232

Le paure delle attiviste per i diritti delle donne, dopo la presa del potere dei talebani in Afghanistan si stanno trasformando giorno per giorno in realtà. Stanno scomparendo le attiviste, nel nulla, oppure vengono ritrovate cadaveri.

Le prima denunce sono di settembre

Si chiamava Forouzan Safi e si era unita ad altri attivisti per protestare contro la violazione dei diritti delle donne in Afghanistan da parte dei talebani. Alla fine di ottobre, era stata uccisa. Secondo quanto riferito, quel giorno aveva lasciato la casa con il passaporto e la laurea, credendo di incontrare qualcuno che l’avrebbe aiutata a lasciare l’Afghanistan. Il suo corpo è stato trovato crivellato di proiettili insieme a quello di altre tre donne. La signora Safi era una sostenitrice dei diritti civili e docente di economia nella città settentrionale afgana di Mazar-e-Sharif.


Attivista per i diritti delle donne uccisa nel nord dell’Afghanistan

Stanno scomparendo le attiviste: cresce la paura

La notizia della loro morte risuona intorno alla comunità di attivisti che si battono per il progresso di donne e ragazze e che vivono nella paura da quando i talebani hanno ripreso il potere. “Forouzan era una delle tante giovani donne attiviste che sognavano di avere una vita bella, di avere i suoi diritti fondamentali, di vivere in pace, di perseguire i suoi sogni, ma sfortunatamente non ce l’ha fatta“, ha detto la sua amica Nilofar Ayoubi in una intervista ad ABC. “Era una delle manifestanti del gruppo Mazar-e-Sharif che protestavano dopo il 15 agosto, poi è stata riconosciuta dai talebani con altre tre donne attiviste e sfortunatamente sono rimaste intrappolate fino alla morte”. La signora Ayoubi è una giornalista e attivista che ha lasciato l’Afghanistan preoccupata per la propria sicurezza. È ben collegata alla rete di attivisti per i diritti umani e delle donne in Afghanistan e afferma che la signora Safi sapeva che qualcosa non andava nel periodo precedente alla sua scomparsa. “Aveva mandato un messaggio a una delle nostre consorelle pochi giorni prima dell’incidente [dicendo] che non si sentiva al sicuro su WhatsApp … e che sarebbe stata disponibile su Signal. Visto che la situazione era così tesa in quel momento, nessuno si è accorto dell’assenza di lei nella chat di gruppo poi dopo pochi giorni è uscita la notizia ed è stato ritrovato il suo corpo, insieme ad altre tre sorelle attiviste”. Ma non è l’unica testimonianza del fatto che stanno scomparendo le attiviste

Come i talebani rintracciano le attiviste

Alcuni attivisti hanno riferito di aver ricevuto telefonate, messaggi ed e-mail da persone sospette che sostenevano di poter aiutare coloro che volevano lasciare l’Afghanistan. Secondo quanto riferito, viene chiesto loro di condividere i dettagli personali e sono invitati a venire in determinati luoghi. Due sospetti hanno confessato di aver attirato la signora Safi e le altre tre donne nella casa dove sono stati trovati i loro corpi. Un portavoce dei talebani ha detto che i sospetti sono stati arrestati in relazione agli omicidi, ma non ha detto se hanno anche confessato gli omicidi. Ha detto che il caso era stato rinviato a un tribunale. Il direttore associato di Human Rights Watch per i diritti delle donne, Heather Barr, ha dichiarato all’ABC: “I talebani hanno creato un ambiente in cui donne come Safi vanno davvero in giro con il bersaglio sulla schiena. E sembra che ci sia impunità per le persone che li attaccherebbero e li ucciderebbero”.

Le famiglie invitano i manifestanti a restare a casa

Stando ad alcune dichiarazioni sembra che i combattenti talebani abbiano ottenuto una lista di donne che hanno partecipato ad almeno una protesta a Kabul. Una testimone afferma che “I talebani hanno iniziato a circondarli e a leggere il loro nome uno per uno e li hanno minacciati, [dicendo] ‘se possiamo conoscere il nome esatto e il numero di voi che siete attualmente presenti in questa protesta, allora è molto facile per noi trovarvi e cacciarvi“. Una donna ancora in Afghanistan, che ha contribuito a organizzare diverse proteste, ha sostiene che i talebani l’hanno minacciata direttamente. “Ci stiamo ancora nascondendo e non sappiamo come continuare la nostra vita… siamo disoccupati in questa situazione. Amo davvero il mio paese, ma da quando i talebani [hanno ripreso il potere] è diventato un inferno e stiamo bruciando in questo inferno”.

“Sviluppo incredibilmente allarmante”

Quando l’ultimo aereo statunitense ha lasciato l’Afghanistan e lo sforzo ufficiale di evacuazione si è concluso, una donna che un tempo lavorava nelle forze di sicurezza afghane ha detto all’ABC che i combattenti talebani stavano cercando “casa per casa” per lei e i suoi colleghi. La signora Barr di Human Rights Watch ha detto all’ABC che la situazione in Afghanistan è ora “davvero, davvero oscura. La gente aveva tutte queste paure su come i talebani avrebbero governato. E ora abbiamo avuto quasi tre mesi per scoprirlo… e abbiamo appreso che la maggior parte di queste paure erano giustificate“, ha detto. In Afghanistan sono state documentate vendette e uccisioni per rappresaglia, compresi membri del movimento di resistenza e delle ex forze di sicurezza. “Fin dall’inizio, era chiaro che stavano anche cercando di rintracciare gli attivisti per i diritti delle donne e altri attivisti per i diritti umani”, ha detto la signora Barr. “E anche se non stavano uccidendo quelle persone, stavano sicuramente cercando di spaventarle e di farle tacere”. C’erano dubbi su cosa avrebbero potuto fare i talebani alle donne, ora che stanno scomparendo le attiviste sembra che tutto sia molto chiaro