Improvviso precoce inverno: ondata di gelo, neve di fine ottobre

0
257
Improvviso precoce inverno

Improvviso precoce inverno: Ondata di gelo, neve e maltempo di fine ottobre del 1997 sull’Italia, dopo una fase tardo estiva. Meteo invernale a fine ottobre con gelo e neve a bassa quota. Ecco quando

A volte l’inverno gioca in anticipo, con meteo capace di clamorosi estremi. in sostanza un Improvviso precoce inverno. Le improvvise ondate di freddo invernali non sono così rare alla fine del mese di ottobre. Tuttavia abbiamo avuto modo di appurare che la neve fino in pianura ad ottobre è un evento quasi più unico che raro. Nel 2007 una precoce ondata di freddo portò addirittura neve fino a quote molto basse e con termometri scesi in picchiata, fino a raggiungere livelli record su alcune città.

 Un’altra e ancor più notevole ondata di freddo si era avuta alla fine di ottobre del 1997, ancor prima nel 1974. Prima dell’improvviso inverno, il mese dell’ottobre 1997 era trascorso decisamente mite, con picchi di +30° persino a Milano e Bologna ad inizio della seconda decade. Nulla lasciava presagire l’evento di fine mese. Un intenso fronte freddo dai Balcani fece irrompere isoterme di stampo invernale fino ai -5°C ad 850 hPa.

Semestre freddo è in mano alla N.A.O.: Un bolide di masse d’aria gelida

Gli effetti invernali sul meteo in Italia ed in Europa: N.A.O. negativa

L’irruzione fredda entrò nel vivo il giorno 28 ottobre, con freddo a partire dalle Alpi in estensione al Nord e forti correnti di Bora. La neve fece la sua comparsa a Mondovì e anche al Bric della Croce, sopra Torino, con temperatura scesa a -2,0°C, prima nevicata in Ottobre dal 1981. Qualche timido fiocco fece la sua apparizione anche su Torino città, ma senza alcun tipo d’accumulo. 

Il meteo andò a peggiorare sul resto d’Italia, in particolare tra Adriatiche e Sud con nevicate sino in collina sulla dorsale appenninica. Il clima rimase ancora mite soprattutto su Sicilia e Sardegna. Il grande freddo al Nord si contrapponeva al furioso maltempo al Sud. A Catania caddero, in tre giorni, circa 118 mm di pioggia, a causa dell’acuto contrasto fra il freddo incombente d’origine artica e le masse d’aria più miti afro mediterranee.

Il 29 ottobre si raggiunsero temperature minime da brivido in Val Padana. Spiccarono i -5°C di Piacenza, record storico per ottobre, ma anche -3°C a Novara, Brescia e Vicenza, -2,8°C Udine, -2°C Torino e -1°C a Venezia. Il maltempo colpì con forza il Sud, Sicilia ed est Sardegna, mentre nevicò in Appennino anche fino a Potenza ed Campobasso. Il 30 Ottobre la temperatura scese di nuovo fino a -5°C a Piacenza e Novara, -4,9°C a Brescia, -7,2°C alla Malpensa, -6,5°C all’aeroporto friulano di Ronchi dei Legionari.

Fonte: Meteo Giornale