Impianto Hi-Fi: come collegare i diffusori

0
157

Se hai intenzione di creare un impianto Hi-Fi ex novo, o comunque migliorare un sistema già esistente, sicuramente avrai bisogno di collegare dei diffusori. In commercio esistono tantissime tipologie differenti di diffusori da poter acquistare. Ma sai come si possono collegare al tuo impianto Hi-Fi? Ci sono una serie di possibilità, la maggior parte cablate, per poter fruire appieno delle funzionalità di questi strumenti utilissimi. Vediamo su cosa ci possiamo orientare.

Cavo RCA

Uno dei modi più comuni e semplici di collegare i diffusori amplificati alla sorgente audio è utilizzare un classico cavetto RCA. Il cavo RCA, infatti, permette di collegare componenti Hi-Fi, ma anche giradischi e lettori CD. Solitamente presentano un’uscita mini-jack da 3,5 mm, utile a collegare anche altre tipologie di apparecchi e device, come pc, tablet e notebook in generale, grazie all’apposita uscita per la cuffia. I diffusori amplificati, ricordiamo, non devono mai essere collegati alle uscite di potenza di un amplificatore stereo, altrimenti si rischia il danneggiamento dei circuiti. È importante, quando utilizziamo questo connettore per il collegamento, comprarne uno di qualità, che sia inossidabile e costruito con materiali eccellenti. Questo fa si che si ottenga una dispersione minima. Un altro consiglio è quello di non effettuare un cablaggio troppo lungo, per lo stesso motivo.

Cavo single-wiring

Un’altra possibilità è quella di utilizzare dei cavetti single-wiring. In questo caso, si utilizza soltanto un cavo audio standard bipolare. Si tratta di un metodo molto semplice da utilizzare, basterà solo acquistare dei cavetti di alta qualità e con una sezione specifica. Stai attento a collegare i diffusori con porzioni di cavo di lunghezza uguale, tenendo conto della distanza effettiva dall’amplificatore. Puoi utilizzare dei cavi in alluminio rivestiti di rame, i quali permettono di ottenere buoni risultati e migliorare nettamente le prestazioni rispetto ai cavetti rossi e neri di sezione ridotta forniti di base con l’impianto. Potresti trovare utile acquistare cavi di sezione maggiore, per esempio 2,5 mm.

Cavo bi-amping

Un ulteriore opzione che puoi sfruttare è quella dei cavi bipolari per diffusore, bi-amping. Difatti, in questo caso, non si usano soltanto due cavi bipolari per diffusore, ma vengono usati anche due amplificatori stereo distinti. Un amplificatore viene collegato solo ai morsetti delle alte frequenze, corrispondenti, essenzialmente Tweeter e Midrange, mentre l’altro amplificatore viene invece collegato ai morsetti delle basse frequenze, difatti solo ai Woofers. Con il “bi-amping” l’amplificazione di alte e basse frequenze è totalmente separata. I vantaggi sono maggiori poiché la separazione totale di alte e basse frequenze consente una gestione del segnale più pulita e priva di interferenze.

Collegamento con Bluetooth

Ma c’è un’altra possibilità per collegare il sistema Hi-Fi ai diffusori. Possiamo optare per un sistema non cablato, ovvero una connessione Bluetooth. In questo caso, si può sfruttare una tecnologia già presente in tantissimi device e apparecchi di ultima generazione. Non credete che anche gli impianti più datati non possano essere collegati ai diffusori con questa tecnica. Ci sono tanti modelli che presentano un ingresso Aux/line, che permette di collegarli a qualsiasi amplificatore di tipo stereo.  

La connessione Bluetooth avviene semplicemente seguendo la procedura di pairing, si tratta dell’abbinamento dei dispositivi: una volta attivata la funzionalità, si inserisce la password del dispositivo ed il gioco è fatto. Una volta effettuato l’abbinamento, il dispositivo sarà riconosciuto e si collegherà in automatico all’accensione del Bluetooth. La tecnologia, anche in questo senso, è andata avanti molto repentinamente negli ultimi anni: sarebbe utile optare per delle versioni Bluetooth più recenti (ora siamo alla 5.0). Queste versioni permettono di sfruttare una velocità superiore di trasmissione dati, e una migliore stabilità del segnale. Possono quindi collegarsi a distanza superiore.

Commenti