Impianti di dissalazione nel sud dell’Iran

Quanta acqua potabile forniscono gli impianti di desalinizzazione al sud dell'Iran?

0
344
Impianti di dissalazione

Attualmente gli impianti di dissalazione nel sud dell’Iran stanno fornendo 600mila metri cubi di acqua potabile per le province costiere della regione. La cifra potrebbe arrivare a un milione di metri cubi nel prossimo futuro. Questo secondo quanto confermato il portavoce della Water and Wastewater Company of Iran all’IRIB.

Quando sarà raggiunto l’obiettivo?


La Cina sperimenta un dispositivo che purifica l’acqua non potabile


Secondo Hamidreza Kashfi, l’obiettivo di un milione di metri cubi dovrebbe essere raggiunto nel quadro del sesto piano quinquennale di sviluppo nazionale del paese (2016-2021).“Attualmente, il governo acquista l’acqua prodotta negli impianti di dissalazione attraverso accordi di acquisto garantito con gli investitori. Con il credito richiesto e fornito dal governo, possiamo fornire fino a un milione di metri cubi di acqua potabile nelle regioni meridionali del paese”, ha spiegato Kashfi. Il funzionario ha osservato che secondo gli studi condotti negli ultimi anni, è possibile fornire acqua potabile alle regioni costiere meridionali del Paese attraverso impianti di dissalazione. Ha quindi quantificato in un dollaro il costo per la produzione di ogni metro cubo d’acqua in un impianto di dissalazione.

Il piano dell’Iran per gli impianti di dissalazione

Nell’ultimo decennio, l’Iran ha preparato un piano per installare impianti di dissalazione sulle coste del Golfo Persico e del Mare dell’Oman. Lo scopo è quello di fornire acqua potabile alle province costiere. Nel novembre 2020, il presidente Hassan Rouhani ha inaugurato la prima fase di un importante progetto di dissalazione e trasferimento dell’acqua. Esso mira a fornire le acque del Golfo Persico all’Iran centrale attraverso un oleodotto. Secondo quanto affermato dal ministro dell’Energia iraniano Reza Ardakanian, il governo ha già stanziato il budget per la dissalazione di 8,2 miliardi di litri di acqua all’anno. I lavori operativi per desalinizzare 760 milioni di litri di acqua sono già stati avviati.

La dissalazione nel mondo

Nel corso degli ultimi 20 anni la capacità di dissalazione globale è aumentata di circa 8 volte e attualmente supera i 100 milioni di litri al giorno. Nel prossimo decennio, spinta dallo sviluppo umano e dal riscaldamento globale, la domanda di acqua dissalata aumenterà. Insomma, è possibile stimare che la produzione di dissalatore potrebbe aumentare. La dissalazione di acqua di mare rappresenterebbe una valida alternativa alla scarsità di acqua. Tuttavia, bisogna assicurarsi che gli impianti siano realizzati nel rispetto degli ecosistemi naturali. Tali sistemi, inoltre, devono essere sviluppati rispettando gli standard nazionali ed internazionali adeguati a tale scopo. In questo senso, essenziali sono le analisi di impatto ambientale, regolamenti che in Italia, al momento, mancano ma che sono ben presenti in altri paesi. A livello mondiale la produzione di acqua potabile dal mare ha superato i 100 milioni di metri cubi al giorno, interessando principalmente i paesi arabi, l’Australia, la costa orientale degli Stati Uniti e alcune realtà non lontane dall’Italia.