Il WTO ha stabilito che un paese può utilizzare un’esenzione per invocare la sicurezza nazionale come giustificazione per l’introduzione di restrizioni commerciali.

La Russia ha fatto bene a imporre restrizioni al trasporto sull’Ucraina in nome della sicurezza nazionale, ha dichiarato l’Organizzazione mondiale del commercio (WTO) venerdì in una sentenza storica .

La decisione è di importanza cruciale perché, per la prima volta, un istituto internazionale del commercio ha stabilito quando un paese può utilizzare l’articolo 21 per motivi di sicurezza nazionale come giustificazione per l’introduzione di restrizioni commerciali che non possono essere contestate dallo Stato interessato.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è diventato il più famoso sostenitore di tale esenzione, poiché ha detto all’UE e ad altri paesi che non potevano contestare le sue tariffe sull’acciaio e sull’alluminio perché erano stati introdotti in nome della sicurezza nazionale. 

L’UE ha avvertito che l’uso improprio dell’articolo 21 creerà un precedente e permetterà a tutti i paesi di introdurre barriere commerciali arbitrarie.

Tuttavia, la sentenza del WTO ha posto un potenziale ostacolo per l’utilizzo della giustificazione di sicurezza nazionale: ha osservato che la Russia ha citato un’emergenza nelle relazioni internazionali che “è molto vicina ad un reale pericolo di guerra o di conflitto armato”.

Mosca ha introdotto le restrizioni sul transito del gas all’inizio del 2016, durante il conflitto con l’Ucraina orientale. Kiev si è lamentato del fatto che le misure estromettono l’Ucraina dai mercati chiave dell’Asia centrale e del Caucaso, le quali possono approvigionarsi soltanto attraverso le infrastutture russe. Nel settembre 2016, l’Ucraina ha avviato una disputa al WTO per verificare se la Russia fosse autorizzata a ricorrere all’articolo 21.

I giudici del WTO hanno però rigettato l’argomentazione russa – appoggiata dagli Stati Uniti – che le affermazioni dell’articolo 21 sono “non giudicabili”, il che significa che le sentenze del WTO non possono decidere in merito a nessuna disputa che faccia valere l’esenzione di sicurezza nazionale. Il fatto che l’amministrazione Trump dello scorso anno si sia schierata con la Russia su questo punto, nonostante abbia sostenuto l’Ucraina nel più ampio conflitto territoriale, ha provocato un movimento diplomatico.

I giudici “hanno dichiarato che le sentenze del WTO hanno giurisdizione per decidere la motivazione dell’utilizzo dell’articolo 21 da parte di un paese membro” , come riassunto in una sentenza.

L’ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti non ha commentato la sentenza di venerdì, ma ha fatto riferimento a una precedente dichiarazione, depositata, relativa a questo caso, secondo cui l’eccezione di sicurezza nazionale da parte del WTO “è auto-giudicante e non giudicante e già questo non tutelerebbe gli interessi nazionali del paese in questione”.

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here