Il tour di Antony Blinken in Medio Oriente

Il segretario di Stato americano dopo aver incontrato i leader di Israele e Palestina vola in Egitto

0
421
Blinken si recherà in Africa

Dopo l’annuncio del cessate il fuoco tra Israele e Hamas, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha intrapreso un tour in Medio Oriente. Nella sua prima tappa ha incontrato i leader israeliani e palestinesi. Blinken ha promesso che Washington contribuirà nella ricostruzione di Gaza e ha sottolineato che l’amministrazione Biden non cesserà l’alleanza con Israele. Nel secondo giorno di tour il diplomatico statunitense è atteso in Egitto, dove dovrebbe incontrare il presidente al-Sisi.

Il tour di Antony Blinken in Medio Oriente: cos’è successo?

Nel secondo giorno di un tour in Medio Oriente per rafforzare il cessate il fuoco raggiunto la scorsa settimana tra Israele e Hamas, il segretario di Stato americano Antony Blinken è arrivato in Egitto. La visita di Blinken al Cairo è avvenuta il giorno dopo aver tenuto incontri separati con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas. Il principale diplomatico statunitense ha promesso milioni in aiuti per la ricostruzione a Gaza. Al Cairo, Blinken incontrerà il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi prima di recarsi in Giordania per colloqui con il re Abdullah II.

Blinken incontra Netanyahu e Abbas

Dopo i suoi incontri con Netanyahu e Abbas, Blinken ha invitato tutte le parti a “costruire sul cessate il fuoco e cercare di muovere le cose in una direzione veramente positiva”. Ha detto che l’amministrazione Biden “notificherà al Congresso l’intenzione di fornire 75 milioni di dollari in ulteriore sviluppo e assistenza economica ai palestinesi nel 2021”. Ha anche promesso 5,5 milioni di dollari in “assistenza immediata in caso di calamità” per Gaza. Inoltre ha promesso circa 32 milioni di dollari per l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi. Blinken ha detto che gli Stati Uniti lavoreranno con i partner per “garantire che Hamas non tragga vantaggio dall’assistenza alla ricostruzione”.

Blinken ha anche annunciato l’intenzione degli USA di riaprire il suo consolato generale a Gerusalemme est occupata. Il consolato aveva supervisionato le relazioni con l’Autorità Palestinese prima che l’ex presidente Donald Trump trasferisse l’ambasciata americana in Israele a Gerusalemme nel 2018. Il segretario di Stato ha anche annunciato che Washington reintegrerà il sistema di difesa aerea Iron Dome di Israele. Ha sottolineato che l’amministrazione ha ripetutamente detto che non intende dare ascolto agli appelli di alcuni legislatori statunitensi di ridurre le vendite di armi e gli aiuti militari incondizionati a Israele sulla scia della violenza.


Blinken si recherà in Medio Oriente nei prossimi giorni