Il teschio di marmo di Bernini è in mostra a Dresda

0
336
Teschio

Capita spesso purtroppo che opere d’arte spariscano dalla circolazione. Vuoi perché un privato le ha comprate. Vuoi perché invece qualcuno le ha rubate. Al contempo però capita che le stesse opere vengano ritrovate. Il che è sempre qualcosa di eccezionale e di importante. Una fine simile è accaduta al teschio in marmo di Carrara di Gian Lorenzo Bernini. Per secoli ci si è chiesti dove fosse finito. E in questi giorni è finalmente arrivata la soluzione a questo mistero.

Gian Lorenzo Bernini: cosa si sa del teschio di marmo?

La storia del teschio di marmo risale a circa il 1655. Secondo alcune fonti infatti papa Alessandro VII lo avrebbe commissionato per il suo scrittoio allo stesso Gian Lorenzo Bernini. Si trattava di un teschio di dimensioni naturali e scolpito dal marmo di Carrara. Un’opera incredibile e talmente realistica da sembrare un teschio vero e proprio. Le ultime notizie circa l’opera di Bernini risalivano però al 1729. Ossia l’anno in cui il principe elettore Augusto II di Sassonia lo ha acquistato. Da allora non si è più saputo nulla del teschio. Questo però fino a qualche giorno fa. A quanto pare il teschio si trovava nei depositi statali della città di Dresda. Un quadro in particolare ha aiutato gli studiosi a riconoscere il teschio: “Papa Alessandro VII con teschio del Bernini“. Quadro a opera di Guido Ubaldo Abbatini, allievo dello stesso Bernini.


Gian Lorenzo Bernini: simbolo di cultura barocca del 600


Bernini, il Papa e la morte

ll teschio di marmo e il quadro di Abbatini sono due dei protagonisti della mostra “Bernini, il Papa e la morte“. La mostra si tiene al Gamäldegalerie Alte Meisters di Dresda ed è iniziata il 28 maggio. La data di conclusione è invece il 5 settembre. Se si è interessati a vedere entrambe le opere, il museo metterà a disposizione alcuni tour online. Il 3 giugno vi sarà il primo tour online, mentre il 2 settembre si svolgerà l’ultimo. Per maggiori informazioni è consigliabile visitare il sito ufficiale del museo tedesco. Il tour online durerà inoltre quarantacinque minuti. Nel caso si ha la possibilità di visitare la mostra di persona, è necessario acquistare i biglietti. Infine sarà possibile visitarla dal venerdì alla domenica dalle 10 alle 17.