Il regalo di Banksy per San Valentino

0
823

Un nuovo graffito di Banksy è apparso come regalo di San Valentino il 13 febbraio, sul muro di un edificio nella sua Bristol.  

Il soggetto del murales è una bambina con una fionda che colpisce un cuore di fiori rossi, che esplodono come una macchia di sangue. L’edificio scelto da Bansky si trova nel quartiere di Barton Hill e la casa appartiene al cittadino inglese Edwin Simons.

Banksy ha rivendicato la paternità dell’opera sul suo profilo Instagram, dove ha postato le immagini senza alcuna spiegazione. Le reazioni degli utenti non hanno impiegato molto tempo ad arrivare. Il post infatti ha raggiunto più di un milione di mi piace e oltre un centinaio di commenti in meno di metà giornata. 

Si può dedurre che essendo apparso proprio in occasione della festa degli innamorati c’è chi pensa si tratti di un cuore infranto, oppure dello stesso Cupido fatto in mille petali dal colpo che la bimba ha lanciato.

L’ARTE DI BANKSY

Banksy è il più famoso street artist contemporaneo. Non conosciamo ancora la sua vera identità. Si sa che è britannico, nato e cresciuto a Bristol (dovrebbe essere del 1974), e poco altro. A lungo Banksy è riuscito a conservare l’anonimato e ancora adesso mantiene sulla sua vita un riserbo assoluto.

L’artista gira il mondo in incognito, dipingendo sui muri immagini efficacissime ed immediate. La tecnica utilizzata da Banksy, sui muri ma anche sulle tele, è quella dello stencil, che gli consente grande rapidità di esecuzione. Grazie a questa tecnica, Banksy ha elaborato un linguaggio sostanzialmente pop, molto vicino a quello pubblicitario, comprensibile da tutti e dalla forte connotazione satirica. Attraverso le armi della poesia, dell’ironia, del paradosso, del sovvertimento di significato, Banksy affronta tematiche importanti, come la guerra, lo sfruttamento minorile, il consumismo, di cui denuncia tutte le aberrazioni, la manipolazione mediatica, l’inquinamento, la povertà. I suoi soggetti preferiti sono animali (come scimmie, cani e ratti), poliziotti, soldati, ragazzini e anziani.

Alcune invenzioni di Banksy, diventate virali sul web, sono vere e proprie icone contemporanee. Pensiamo alla poetica figura della bimba che, sul muro che divide Israele dalla Cisgiordania, vola in alto sollevata dai palloncini; oppure all’altra, altrettanto famosa, della bambina che perquisisce un soldato, comparsa su un muro a Betlemme, o ancora al ragazzino che infila un fiore nella canna del fucile di un militare.

L’opera più famosa è senza dubbio BaloonGirl (la bambina con il palloncino), comparsa nel 2002 su un muro di Londra. Una serie londinese di stencil raffiguranti una ragazzina con la mano tesa verso un palloncino rosso a forma di cuore che il vento le sta portando via e accanto a lei si legge la scritta There is always hope (c’è sempre speranza). Purtroppo però oggi l’opera non si può più ammirare, perché è stata rimossa nel 2014. A questa sono seguite altre versioni di Balloon Girl sui muri londinesi, alcune delle quali rovesciate. Lo stesso Banksy ha poi realizzato varie copie su carta, firmate, dell’immagine.

Commenti