Il punto sul ritorno di sedicesimi di Europa League (prima parte)

0
164

Il ritorno dei sedicesimi di Europa League ha già fornito i primi verdetti in attesa dei sorteggio di oggi:

FENERBAHCE – KRASNODAR 1-1 (1-2)

La squadra di Advocaat deve cercare di ribaltare la sconfitta della partita di andata e inizia subito a spingere con Sou che però non riesce a concretizzare, ma sono gli ospiti a portarsi in vantaggio al 7′ grazie al gol di Smolov.

Il Fenerbahce continua a insistere in cerca del pareggio per tutto il primo tempo e al 41′ trova il gol con Souza: 1-1 all’Ulker Sports Arena.

Nella ripresa il Krasnodar ha l’occasione di portarsi in vantaggio ma Ramirez ma il suo tiro non centra lo specchio della porta.

Molte occasioni non sfruttate per entrambe le squadre durante tutto il secondo tempo ma dopo 5′ di recupero l’arbitro fischia la fine della partita sul risultato di 1-1 che premia il Krasnodar in virtù della vittoria nella gara di andata.

SCHALKE 04 – PAOK SALONICCO 1-1 (4-1)

Il Paok deve cercare di ribaltare lo 0-3 subito la scorsa settimana e ha subito l’occasione di portarsi in vantaggio ma il tiro di Koulouris non centra lo specchio della porta, e al 23′ è lo Schalke a portarsi in vantaggio con il tiro di Schopf.

Immediata la reazione degli ospiti che trovano subito il pareggio 2′ dopo con l’autogol di Nastasic.

Il Paok continua a rendersi pericoloso ma non riesce a concretizzare, verso il finale di primo tempo lo Schalke si porta in attacco e sfiora il gol del vantaggio con il colpo di testa di Huntelaar.
Nella ripresa la partita è spezzettata da molti falli, l’arbitro è costretto a tirare fuori 5 cartellini gialli e Mystakidis e Naldo escono per infortunio.

All’81 c’è un’occasione per lo Schalke con Bentaleb ma il suo tiro non centra lo specchio della porta, risponde il Paok col tiro del nuovo entrato Pedro Henrique che però non trova la porta.

Nel finale meglio i padroni di casa che colpiscono anche un palo al 90′ con Kehrer.

Dopo 5′ di recupero la partita termina 1-1, passa lo Schalke in virtù della vittoria nella gara di andata.

ST. ETIENNE – MANCHESTER UNITED 0-1 (0-4)

Allo stadio Guichard si sfidano i fratelli Pogba in St. Etienne – Manchester United; gli ospiti iniziano meglio la partita e al 16′ sono già in vantaggio con la rete di Mkitharyan.

Verso la metà del primo tempo i padroni di casa provano a rendersi pericolosi prima con Veretout poi con Pajon che però non riescono a concretizzare.

Nel secondo tempo il St. Etienne continua a spingere senza però trovare il pareggio.

Al 63′ Bailly riceve il secondo giallo della partita e viene espulso, ma il Manchester United riesce ad amministrare la partita anche in 10 uomini e si rende pericoloso con Rashford e Pogba che però non trovano lo specchio della porta.

Nel finale di partita il St. Etienne si riversa in avanti alla disperata ricerca del pareggio soprattutto con Pajot che però non riesce a battere Romero.

Dopo 3′ di recupero finisce così 0-1 la sfida tra St. Etienne e Manchester United, la squadra di Mourinho passa agli ottavi.

OSMANLISPOR – OLYMPIACOS 0-3 (0-3)

Partita apertissima all’Osmanli Stadi dopo il pareggio per 0-0 dell’andata, al 3′ c’è subito un’occasione per gli ospiti con Da Costa che però non trova lo specchio della porta.

Nel primo tempo entrambe le squadre non si tirano indietro e creano numerose palle gol ma il risultato all’intervallo è ancora 0-0.

Nella ripresa l’Olympiacos inizia subito in attacco e al 47′ trova il gol del vantaggio con Ansarifard.

La squadra greca continua a spingere, i padroni di casa reagiscono timidamente con Ndiaye che però non trova lo specchio della porta.

Al 67′ l’Osmanlispor perde Tiago Pinto per infortunio, al suo posto entra Bayir e 3′ più tardi gli ospiti trovano il gol del raddoppio firmato dal colpo di testa di Elyounoussi.

Nella parte finale di partita i padroni di casa trovano insistentemente il gol che potrebbe riaprire la partita ma vengono spesso fermati in fuorigioco e non riescono a concretizzare.

All’86’ Ansarifad chiude la partita segnando il suo secondo gol dell’incontro con un colpo di testa: 3-0 per l’Olympiacos e passaggio ai quarti in cassaforte.

BESIKTAS – H. BEER SHEVA 2-1 (5-2)

A Istanbul inizia meglio l’Hapoel Beer che si spinge in avanti con Brounche che però non trova lo specchio della porta.

I padroni di casa reagiscono e trovano il gol del vantaggio al 17′ con Aboubakar.

Nella parte finale del primo tempo l’Hapoel cerca il pareggio ma non riesce a concretizzare, si va negli spogliatoi col risultato di 1-0.

Nella ripresa inizia meglio il Besiktas che si rende pericoloso con Quaresma ma al 64′ è l’Hapoel a trovare il gol che vale il momentaneo pareggio con Nwakaeme.

Il secondo tempo è un assedio del Besiktas che vuole vincere a tutti i costi, e dopo varie occasioni trova il gol del vantaggio all’87’ con Tosun: 2-1 per i padroni di casa.

Nel finale l’Hapoel non riesce a reagire, la partita finisce così 2-1 per il Besiktas che si qualifica per gli ottavi.

ZENIT – ANDERLECHT 3-1 (3-3)

Partita emozionante a San Pietroburgo, iniziano meglio i padroni di casa che al 24′ si portano in vantaggio con la rete di Giuliano.

l’Anderlecht reagisce e inizia a spingere ma non riesce a trovare il gol del pareggio, si va negli spogliatoi all’intervallo sul punteggio di 1-0.

Nella ripresa lo Zenit si porta subito in attacco e dopo varie occasioni trova il gol del 2-0 al 72′ con Dzyuba.

I padroni di casa vogliono chiudere la partita e continuano a spingere; al 78′ Giuliano segna il suo secondo gol dell’incontro che vale il 3-0.

Ma gli ospiti non si arrendono e nel finale Thelin regala la qualificazione ai suoi segnando il gol dell’1-3 al 90′: L’Anderlecht perde 3-1 ma passa agli ottavi per la regola dei gol in trasferta.

SHAKHTAR DONETSK – CELTA VIGO 0-2 (1-2)

Partita apertissima al Metalist Stadium nonostante la vittoria dei padroni di casa all’andata, il Celta inizia meglio la partita e crea numerose occasioni da gol che però non riesce a concretizzare, nella seconda metà del primo tempo è la squadra di Fonseca a rendersi pericolosa soprattutto con Fred che però non trova la porta.

All’intervallo il risultato è inchiodato sullo 0-0, nella ripresa i padroni di casa hanno l’opportunità di portarsi in vantaggio ma non riescono a concretizzare, mentre il Celta attacca con insistenza e al 90′ guadagna un calcio di rigore per un fallo di Rakiskiy, Sisto si presenta dagli 11 metri e segna il gol dello 0-1 che riapre la partita e porta le due squadre ai supplementari.

Nel primo tempo supplementare la stanchezza si fa sentire e le due squadre non sono lucide sottoporta nonostante riescano a creare molte occasioni.

Nel secondo tempo supplementare gli ospiti si rendono più pericolosi e trovano il gol del raddoppio al 108′ grazie ad un colpo di testa di Cabral.

Lo Shakthar Donetsk non ha più la forza di attaccare, dopo 121′ la partita finisce col risultato di 0-2, il Celta ribalta il punteggio della gara di andata e passa agli ottavi.

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here