Nella 38° giornata di Serie B vincono Ascoli, Cesena e Carpi, le prime due per allontanarsi dalla zona play out mentre il Carpi batte il Trapani e aggancia lo Spezia al 7° posto. Pareggiano rispettivamente 1-1 Perugia e Hellas Verona, piccolo stop per gli uomini di Pecchia che lasciano fuggire la Spal sempre più in vetta della classifica.

ASCOLI-AVELLINO 2-0

Vittoria molto importante quella dell’Ascoli al Del Duca che batte con un secco 2-0 l’Avellino di Novellino e guadagna tre punti importanti in ottica salvezza, salendo a 44 punti in classifica.

Gli ospiti sono sfortunati sin da inizio partita, dove già all’8° minuto Novellino è costretto ad operare il primo cambio. Forzato, in quanto Belloni rileva Gonzalez per dei problemi al ginocchio; i padroni di casa invece iniziano in maniera più propositiva la partita, pressando alto e creando occasioni, al 21° ci prova Favilli ma un buon Radunovic para il tiro, poi passati appena quattro minuti i marchigiani riescono a trovare il primo gol della giornata con Cacia che anticipa Djimsiti sul cross di Cassata e mette dentro la palla dell’1-0. L’Ascoli esaltato per la rete del vantaggio ci prova ancora e spaventa la difesa avversaria con una rovesciata di Addae da calcio d’angolo, ma la conclusione è alta sopra lo specchio della porta.

Gli avversari crescono sul finale di primo tempo e tentano di pareggiare con Moretti con un tiro dalla distanza, ma il suo tiro finisce fuori di poco. Nel secondo tempo sono ancora i marchigiani a spingere e a trovare il vantaggio, questa volta con Orsolini, ancora una bella iniziativa di Cacia che recupera una bella palla a centrocampo e sul limitare dell’area di rigore offre la sfera al giovane attaccante che di prima spiazza il portiere avversario con un preciso tiro a giro, arrotondando il risultato.

La rete del raddoppio dei padroni di casa addormenta un po la partita che va avanti senza particolari sussulti fino al 90°, da segnalare solo un tiro di Belloni ma Lanni attento non si fa sorprendere.

Punti importantissimi per l’Ascoli che si porta a solo una lunghezza dai rivali irpini.

CESENA-BENEVENTO 4-1

Gara equilibrata solo nel primo tempo quella tra Cesena e Benevento, dove le occasioni non mancano ma tutte e due le squadre nella prima frazione non riescono a sbloccare il risultato.

La prima occasione della partita è per il Benevento con un tiro da 25 metri di Eramo, ben parato da Agliardi; la risposta dei padroni di casa non tarda ad arrivare, ma sulla conclusione di Garritano è bravo Camporese a respingere. Al 9° gli ospiti hanno l’opportunità di sbloccare la partita con Falco che tramite un cross velenoso scavalca il portiere avversario ma si stampa sulla traversa.

Sul finale di primo tempo sia Cesena che Benevento si rendono pericolose, prima ci pensa ancora Falco che lascia partire un tiro insidioso dalla distanza ben parato in due tempi da Agliardi e poi Cocco non riesce ad agganciare la palla in area di rigore sciupano un ottima occasione.

Ad inizio ripresa i romagnoli si scatenano riuscendo a chiudere la partita in 20 minuti con 4 gol in rapida successione. Crimi porta in vantaggio la sua squadra al 49° con un grande aiuto del portiere avversario che non riesce a trattenere il tiro dalla distanza dell’attaccante, poi Ligi e Laribi firmano il due e tre a zero, prima con un colpo di testa direttamente da calcio d’angolo e poi con una perfetto contropiede bianconero finalizzato con un preciso destro.

Al 67° Ciano chiude definitivamente la partita con il gol del 4-0, delizioso colpo di tacco di Garritano per Ciano che colpisce benissimo la palla e con una precisa botta scheggia la traversa e imbuca la palla in rete. Il Cesena vorrebbe trovare anche il quinto gol ma il tiro di Cocco esce di un soffio.

Sul finale di partita il Benevento torna in attacco, trovando il gol della bandiera con Cibsah che con un colpo di testa batte Agliardi.

Ottimo momento di forma del Cesena che con questo risultato trova il sesto risultato utile consecutivo, mentre per il Benevento è un duro stop e scende al 6° posto in classifica.

CARPI-TRAPANI 2-1

Al Cabassi va in scena la partita tra Carpi e Trapani, con i padroni di casa costretti alla vittoria dopo il brutto stop contro il Cittadella, mentre gli ospiti si vogliono allontanare sempre di più dalla zona calda della classifica.

Il Carpi inizia bena la partita, ma per i primi 15 minuti non ci sono delle vere e proprie palle gol, solo una conclusione a lato di Lasagna sul bel taglio di Di Gaudio. Al 23° la partita si sblocca grazie all’attaccante più prolifico di Castori, Mbakogu con un bel lancio manda a tu per tu con il portiere avversario Lasagna che con una bella conclusione porta in vantaggio il Carpi.

La reazione del Trapani non tarda ad arrivare e va vicinissimo al gol con Coronado che direttamente da calcio di punizione sfiora la traversa, sul momento migliore degli ospiti i padroni di casa riescono a trovare il raddoppio ancora una volta grazie a Lasagna che con un tiro al volo batte ancora una volta Pigliacelli.

Sul finale di primi tempo il Trapani avrebbe l’opportunità di accorciare le distanze ma Maracchi non sfrutta bene l’occasione mandando alta la palla su una dormita generale della difesa del Carpi.

Ad inizio ripresa gli ospiti premono alla disperata ricerca del gol e infatti al 48° Coronado riesce a dimezzare lo svantaggio con un preciso tiro dai 25 metri che si insacca alle spalle di Belec. Da questo momento inizia il forcing disperato del Trapani alla ricerca del pareggio, al 60° Citro ci prova ma il suo tiro si spegne di poco a lato, pochi minuti più tardi Coronado tenta il gol ma anche in questo caso la sua conclusione sfiora il palo.

Le azioni del Trapani sono inframezzate da un’opportunità per Lasagna che dal limite dell’area prova con un diagonale che esce di poco a lato. Nel momento di maggior pressing del Trapani, il Carpi va vicinissimo al gol prima con Mbakogu che tenta una improbabile conclusione da centrocampo, ma la palla rimbalzando esce di pochissimo sopra la traversa e poi con Lasagna che calcia a botta sicura ma Pagliarulo in spaccata salva il risultato. Nei minuti di recupero il Trapani tenta il tutto per tutto ma il  tiro di Casasola esce di pochissimo a lato.

Vittoria importante per il Carpi che raggiunge lo Spezia al 7° posto a 54 punti, mentre per il Trapani è un duro stop e resta in piena zona play out appaiato con il Vicenza a quota 41.

PERUGIA-HELLAS VERONA 1-1

Nel posticipo della 38° giornata di Serie B Perugia e Hellas Verona si sfidano per mantenere una buona posizione all’interno della griglia dei play off e anche per non far fuggire Spal e Frosinone in vetta alla classifica.

Nel primo tempo sono gli umbri a giocare meglio andando più volte vicini al gol del vantaggio, prima con Mustacchio al 24° che da posizione defilata quasi non trafigge Nicolas e poi con Forte al 33°, controlla e calcia ma un bravo Nicolas salva tutto in spaccata. Sul finale di primo tempo è ancora il Perugia ad attaccare e andare vicino alla rete, questa volta con Terranni che arrivato al limite dell’area di rigore lascia partire un tiro cross che è facile presa del portiere avversario.

Ad inizio secondo tempo il Verona pressa più alto e riesce a trovare il gol del vantaggio grazie a Luppi, grave errore di Dezi che cede palla al contropiede veneto, al tiro va Valoti il quale colpisce il palo, sulla ribattuta il più veloce è proprio Luppi che a porta vuota non può sbagliare.

Dezi si fa perdonare subito segnando appena un minuto più tardi la rete del pareggio, cross perfetto di Di Chiara per il numero 11 che ristabilisce subito la parità. Il Perugia torna ancora ad attaccare e spaventa la difesa avversaria al 74° ancora con Dezi che controlla palla e calcia fuori di un nulla con Nicolas immobile.

La partita finisce sul risultato di 1-1, con i padroni di casa che arrivano a quota 57 punti in classifica agganciando il Cittadella al 4° posto, mentre il Verona consolida il secondo posto a 66 punti.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here