lunedì, Luglio 22, 2024

Il piano cinese in 12 punti per porre fine alla guerra in Ucraina

La Cina ha chiesto un cessate il fuoco tra l’Ucraina e la Russia, secondo una proposta pubblicata dal suo ministero degli Esteri giovedì sera. Il piano cinese in 12 punti, pubblicato alle 9.00 di venerdì 24 febbraio, ora locale, arriva dopo quasi un anno in cui la Cina è stata uno dei più stretti alleati di Mosca, pur cercando di sembrare neutrale nella guerra tra Russia e Ucraina. Il presidente cinese Xi Jinping ha anche in programma di tenere un “discorso di pace” davanti alle Nazioni Unite venerdì, in occasione del primo anniversario dell’invasione russa.

Quali sono i punti del piano cinese per la pace?

Niente sanzioni alla Russia

La proposta di pace include piani per sostenere la sovranità di entrambe le forze, abbandonare la “mentalità da Guerra Fredda” e garantire che le centrali nucleari siano mantenute in sicurezza. La Cina chiede anche lo stop di tutte le “sanzioni unilaterali”, un attacco diretto alle sanzioni imposte dagli Stati Uniti e da altri 37 alleati in seguito all’invasione russa. “Le sanzioni unilaterali e la massima pressione non possono risolvere la questione, ma creano solo nuovi problemi”, si legge nella proposta. “La Cina si oppone alle sanzioni unilaterali non autorizzate dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. I Paesi interessati dovrebbero smettere di abusare delle sanzioni unilaterali e della ‘giurisdizione a lungo raggio’ contro altri Paesi, in modo da fare la loro parte nella de-escalation della crisi ucraina e creare le condizioni per i Paesi in via di sviluppo per far crescere le loro economie e migliorare la vita dei loro popoli“.

La visita al Cremlino e la “neutralità” cinese

La Cina è rimasta fermamente convinta di essere una parte neutrale nel conflitto russo-ucraino, anche astenendosi da un voto durante l’Assemblea generale delle Nazioni Unite di giovedì che chiedeva alla Russia di ritirare le sue truppe. Tuttavia, secondo un rapporto di gennaio, la Cina ha continuato a fornire alla Russia quantità significative di tecnologie a doppio uso per l’industria della difesa del Cremlino, nonostante le sanzioni globali. Mercoledì scorso, anche l’alto diplomatico cinese Wang Yi ha visitato Mosca e il Presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che il Kremin è in attesa di “una visita del Presidente della Repubblica Popolare Cinese in Russia“, riporta Reuters. Si prevede che il discorso di Xi di venerdì includa punti del piano di pace proposto, anche se il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è già apparso respingere qualsiasi potenziale discussione di pace da parte della Cina.

La posizione di Zelensky

Zelensky, invece, ha ripetutamente presentato un piano in 10 punti di richieste ucraine per porre fine alla guerra. Una parte delle richieste include il ripristino di tutto il territorio ucraino e il ritiro completo delle truppe russe. Sebbene il piano cinese menzioni il rispetto dei confini sovrani delle nazioni, non c’è un punto specifico che richieda il ritiro della Russia dall’Ucraina o il ripristino di tutto il territorio ucraino. Nel frattempo, la Russia ha dichiarato che negoziare con Kiev per mediare un accordo di pace è un obiettivo impossibile.

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles