Il parlamento orientale della Libia toglie fiducia al governo

0
215

Il parlamento orientale della Libia ha dichiarato di aver ritirato la fiducia dal governo di unità nazionale, anche se continuerà a operare come amministrazione provvisoria.

Cosa ha deciso il parlamento orientale della Libia e perchè?

Il voto alla Camera dei Rappresentanti esemplifica la disputa tra fazioni rivali e organi statali che ha afflitto gli sforzi sostenuti dalle Nazioni Unite per risolvere la crisi decennale della Libia stabilendo un governo di unità e tenendo elezioni nazionali. Nel 2014, le fazioni orientali e occidentali hanno diviso la Libia in due in una guerra civile, con un governo riconosciuto a livello internazionale a Tripoli e un’amministrazione rivale sostenuta dalla Camera dei rappresentanti nell’est.

A cosa serve il governo di Unità Nazionale

Il governo di unità del primo ministro Abdulhamid Dbeibah è stato selezionato attraverso un dialogo sponsorizzato dalle Nazioni Unite e il suo governo è stato insediato dalla Camera dei rappresentanti a marzo. Dbeibeh ha il mandato di unificare le istituzioni statali, migliorare i servizi governativi e prepararsi alle elezioni presidenziali e parlamentari nazionali. Tuttavia, martedì 22 settembre, dopo che il parlamento ha convocato Dbeibeh e i suoi ministri per rispondere alle domande questo mese, 89 dei 113 membri presenti hanno votato per ritirare la fiducia in lui, hanno detto il portavoce della camera e diversi altri membri del parlamento. Nessun commento immediato dal governo.

Le elezioni

Il forum delle Nazioni Unite ha deciso che le elezioni presidenziali e parlamentari dovrebbero svolgersi il 24 dicembre, ma ora infuria il disaccordo sulla base giuridica dei voti e sulle leggi che li regoleranno. Questo mese, la portavoce del parlamento Aguila Saleh ha affermato che la Camera dei rappresentanti ha approvato una legge per le elezioni presidenziali, anche se non ha tenuto un voto finale sul disegno di legge. La validità di tale legge è stata prontamente contestata dal Consiglio superiore di Stato con sede a Tripoli, nell’ovest, che ha prodotto una propria legge elettorale alternativa. La Camera dei Rappresentanti, eletta sette anni fa ma divisa quando la Libia si è divisa, non ha ancora prodotto una legge per le elezioni parlamentari.