Il Papa progressista sloggia dal Vaticano pedofili e sexy show

0
488
Bergoglio

Il Papa progressista Bergoglio, un grande Pontefice, caccia dal Vaticano l’istituto Preseminario San Pio X: un covo di pedofili maniaci. Ma anche un vero porno show alla clericale, che in tutti questi anni ha lavorato più dell’accademia Siffredi.

Il Papa progressista riuscirà a smembrarli definitivamente?

La strada sarà lunga, in quando la matrice pedofila e pornografica all’interno del clero è sempre stata molto attiva. Oltretutto il Papa progressista non ha a che fare con qualche pretucolo di campagna, ma con una intera istituzione. Il collegio per adolescenti è di per se il miglior serbatoio per gli abusi sessuali che ci possa essere. All’interno di questi istituti ben radicati, la paura è la vergogna si impossessa così in profondità dei ragazzi, che diventa difficile estrapolare denuncie e confessioni. Chi lo ha fatto ha descritto un panorama pornografico assurdo, da parte di chi dovrebbe proteggere la moralità. L’istituto, che occupa un piano di Palazzo San Carlo, dentro il Vaticano trasloca. Bergoglio ha deciso che il Preseminario San Pio X si stabilisca fuori dalle mura vaticane, a partire da settembre. Non so se essere più felice o preoccupato. Del resto all’interno del Vaticano erano tenuti d’occhio, ma è anche vero che al di fuori delle mura, questa gentaglia è sotto la legge italiana e non ha scampo.


Monsignor Janiak rimosso dal Papa per aver insabbiato casi di pedofilia


Il processo che ha squarciato il velo

Pochi mesi fa ci siamo occupati dei processi contro don Gabriele Martinelli, 28 anni, per abusi, e l’ex rettore del Preseminario, don Enrico Radice, 71 anni, per intralcio alle indagini. Con il Motu proprio, Bergoglio aprì le braccia alla magistratura italiana, consentendo una sorta di estradizione automatica. Martinelli avrebbe compiuto gli abusi quando era allievo del Preseminario e aveva tra i 14 e i 20 anni. Entrambi gli imputati hanno sempre respinto le accuse.

In una nota Vaticana il Papa progressista fa sapere della decisione

Da tempo si stava studiando l’ipotesi di un trasferimento del Preseminario S. Pio X al di fuori delle mura vaticane, anche per favorire la vicinanza dei giovani studenti ai luoghi dove svolgono i loro studi e praticano le loro attività ricreative. La decisione che il Preseminario, a partire dal prossimo mese di settembre, sposti la sua sede all’esterno della Città del Vaticano, in luogo conveniente. Il Papa non ha mancato, nell’occasione, di esprimere viva gratitudine a don Magistrelli per l’opera compiuta in questi 75 anni dalla fondazione dell’istituzione. Riconoscendo che essa conserva la sua validità educativa e chiedendo che possa continuare l’apprezzato servizio liturgico svolto dai giovani studenti nella Basilica di San Pietro in Vaticano“.