Il Pakistan ha deciso di rimuovere il ban di TikTok

In Pakistan torna TikTok, ma a patto che la piattaforma renda i contenuti più consoni alle leggi morali del paese

0
226
disinformazione su TikTok

In Pakistan torna TikTok. Alcune settimane fa, le autorità avevano deciso di vietarlo, considerandolo veicolo di contenuti immorali. Molti avevano ritenuto che la mossa fosse un ulteriore passo verso la censura di Internet. Il Pakistan è infatti uno stretto alleato della Cina e come il suo vicino, stava cercando di controllare il web.

Come mai in Pakistan torna TikTok?

Lunedì, l’autorità pakistana per le telecomunicazioni ha dichiarato la revoca del divieto di TikTok. Sono passati esattamente 11 giorni da quando le autorità avevano deciso di bannarlo dal paese. Il governo ha dichiarato di aver trovato un accordo con l’azienda cinese. TikTok dovrà moderare i suoi contenuti, altrimenti la piattaforma verrà vietata per sempre. L’azienda ha assicurato che filtrerà i contenuti eliminando quelli meno consoni alle “norme sociali del Pakistan“. Il senior management team di TikTok ha promesso che bloccherà tutti quegli account che caricano ripetutamente contenuti considerati “illegali“. Sono circa 20 milioni gli utenti pakistani che utilizzano quotidianamente il social network.

Stop ai contenuti immorali

Il Pakistan aveva dato un ultimatum alla piattaforma già da fine luglio. In quell’avvertimento il governo esprimeva una serie di preoccupazioni legate ad alcuni video che circolavano sul web. L’avvertimento si è subito trasformato in una critica, considerando questi contenuti come “immorali“, “osceni” e “volgari“. TikTok ci teneva particolarmente ai 20 milioni di utenti che stava perdendo, per questo motivo si è anche offerta di investire nel Pakistan se il contenuto fosse stato rimosso. “Il ripristino di TikTok dipende dal fatto che la piattaforma non venga utilizzata per la diffusione di volgarità / contenuti indecenti e che i valori della società non vengano macchiati. PTA sarà costretto a bloccare permanentemente l’applicazione nel caso in cui tale condizione non sia soddisfatta“, hanno avvertito le autorità del paese.

In Pakistan torna TikTok ma la censura continua

Il divieto aveva subito destato qualche preoccupazione. Secondo alcuni osservatori, la mossa era parte di un tentativo del Pakistan di censurare Internet. Proprio all’inizio di quest’anno infatti, il Pakistan aveva svelato alcune delle sue regole per il controllo del web. Queste avevano avuto un grande impatto sulle aziende americane nella nazione. Fu allora che Facebook, Google e Twitter hanno minacciato di lasciare la nazione e il governo ha dovuto revocarle. Rimanendo nei paesi vicini, anche l’India ha da poco vietato TikTok nel paese. Tuttavia, in questo caso lo ha fatto per problemi di sicurezza informatica. La perdita di un paese come l’India, ha significato per TikTok la perdita di uno dei più grandi mercati in suo possesso.

Commenti