Il notevole potere dei fichi d’India come biocarburante

Il fico d'india, molto diffuso nel paesaggio messicano, sta trovando una seconda vita come fonte di biocarburante insolitamente sostenibile.

0
269
fichi d'india

I fichi d’India si stanno rivelando come nuova fonte di energia in Messico. Immaginate un paesaggio di una cartolina di un deserto messicano. Con un forte sole, un campo verde di cactus che copre i polverosi dintorni di Camémbaro, una comunità agricola nello stato di Michoacan.

Nopal, così è conosciuto il fico d’India, non cresce solo in queste terre. Può essere trovato in tutta la regione mesoamericana ed è così emblematico che ha un posto privilegiato sulla bandiera nazionale del Messico. Viene regolarmente consumato come insalata o in frullati salutari o in tortillas e patatine nacho.

I rifiuti non commestibili vengono normalmente scartati, ma in questa città, dopo che il cactus aveva dato tutto il possibile come cibo, la gente vide il potenziale di trasformare questi rifiuti in una nuova fonte di carburante.


Piantare alberi ferma il cambiamento climatico?
Isole energetiche per ridurre le emissioni inquinanti: il piano della Danimarca


Nel 2009, l’imprenditore Rogelio Sosa Lopez era già affermato nell’industria della tortilla di mais e aveva collaborato con Miguel Angel Ake per fondare Nopalimex, un’azienda che coltiva cactus come alternativa più economica al mais. Hanno scoperto che le colture nopali producono tra le 300 e le 400 tonnellate di biomassa per ettaro in terre meno fertili e fino a 800-1000 tonnellate in terreni più ricchi. Nopal richiede anche un consumo minimo di acqua e i suoi rifiuti, se adeguatamente trattati, possono essere trasformati in biocarburanti.

“Stiamo seminando nopal per tre motivi. Il primo è sociale: crea posti di lavoro e impedire l’emigrazione. In secondo luogo, dal punto di vista economico, riduce il costo della lavorazione industriale dei prodotti a base nopale. Infine, e soprattutto, esiste un motivo ambientale “, afferma Ake. La speranza è che i biocarburanti provenienti da Nopal possano essere una valida alternativa ai combustibili fossili nella regione.

La storia del biocarburante dai fichi d’india

Ake ha iniziato a esplorare i biocarburanti più di 40 anni fa, ma ha iniziato a sperimentare i cactus solo nel 2007. Ora, la sua azienda sta producendo abbastanza carburante per gli stabilimenti che trasformano tutte le parti dell’impianto nopale in modo sostenibile. Ma ha intenzione di andare oltre. Ha già firmato un impegno con il governo locale di Zitacuaro, nello stato di Michoacan, per fornire veicoli ufficiali, dalle auto della polizia alle ambulanze, con carburante a base di cactus.

“Con la quantità di nopal che abbiamo in Messico e una produttività di oltre 100 tonnellate di gas per acro, riteniamo che questo potrebbe eventualmente sostituire l’uso tradizionale di gas e combustibile di fonti non rinnovabili”, afferma. Il processo è relativamente semplice. Innanzitutto, i cactus vengono tagliati e lavorati per estrarre la farina, che viene utilizzata per fare le tortilla chips. I resti non commestibili rimanenti della pianta vengono mescolati con sterco di vacca in un bio-processore, un serbatoio di fermentazione che riscalda la polpa di cactus sprecata. Quindi il carburante viene distillato dal liquido rimanente e raccolto tramite tubi e in un serbatoio.

Commenti