Il narcisista arrabbiato: come riconoscerlo ed evitarlo

0
744

Avere a che fare con il narcisista è già abbastanza difficile. Ancora più difficile è quando si arrabbia con noi. Ma possiamo evitarlo.

Come evitare il narcisista arrabbiato?

Le motivazioni per cui un narcisista potrebbe prendersela con noi sono le più diverse. Potrebbe anche non essercene alcuna: ma il risultato sarà sempre lo stesso, ritrovarci al centro di un attacco verbale che sembra del tutto ingiustificato. Potremmo venir tacciati di ipocrisia e slealtà: e possiamo trovarci ad avere una persona simile come datore di lavoro, ad esempio, oppure come collega.


Rabbia narcisistica: perché i narcisisti sono così aggressivi


Il narcisismo sotto esame

I narcisisti possono essere suddivisi in due sottocategorie, i vulnerabili e i grandiosi. Alcuni di essi possono tendere addirittura alla psicopatia, e di certo allo sfruttamento del prossimo. Da cui l’aggressività, che si manifesta nel caso qualcuno si metta sulla loro strada. La dottoressa Jill Lobbestael e i suoi colleghi, dell’Università di Maastricht, hanno cercato di studiare il fenomeno, e il loro approccio sperimentale prende il nome di Competitive Reaction Time Task (CRTT).

Competitive Reaction Time Task

Questo esperimento consiste nel mettere i partecipanti contro avversari simulati, che non riescono a vedere. Alla fine di ogni periodo il partecipante potrà punire l’avversario per le risposte errate, mediante un rumore bianco avversivo: potrà egli stesso decidere il volume e la durata. Se invece fosse lui stesso a sbagliare, riceverà il medesimo trattamento. Nella realtà saranno gli sperimentatori a controllare il gioco, decidendo vittorie e sconfitte. Tale procedimento, però, non potrà mai dare risposte univoche, in quanto non si disporrà di un insieme di dati coerenti per trarre le giuste conclusioni.

Il narcisista e la perdita

Come sa chiunque abbia avuto a che fare con un narcisista, queste persone odiano perdere. Di conseguenza, in un esperimento come questo dovrebbero sentirsi molto frustrati in caso di fallimento. Se la sperimentazione in questione riuscisse a stabilire un legame tra la punizione e il narcisismo, il test potrebbe sicuramente essere attendibile.

Misurare il narcisismo

La scala con cui si misura il narcisismo contiene quattro catalogazioni: Leadership/Autorità, Autoassorbimento/Autogestione, Superiorità/Arroganza e Sfruttamento/Titolarità. In 6 anni di raccoglimento dati, su campioni sia clinici che non clinici, in cui sono stati utilizzati proprio gli studi CRTT, le persone con un alto grado di sfruttamento erano più punitive quando sembravano aver vinto. Inoltre, ottenevano un punteggio più alto nel questionario che misurava i livelli di aggressività.

Come gestire il narcisista perdente

La verità rimane che, nonostante gli studi, esistono pochi metodi per gestire un narcisista che perde. Rimane certo però che quando entrano in competizione, sono pronti a tutto pur di primeggiare. Poi, quando perdono, la loro furia può diventare distruttiva, e il loro ego ferito li porterà a desiderare la vendetta, non importa se la sconfitta è stata giusta. Cosa fare, dunque, nel caso già citato del datore di lavoro? L’unica soluzione è prepararsi alla tempesta, e ricordarsi che il problema sono loro, non noi. Non è necessario, insomma, cedere soltanto per consentire loro di “salvare la faccia”. E sicuramente non dobbiamo permettere al loro atteggiamento di minare la nostra autostima.