Il ministro degli Esteri russo Lavrov elogia Fox News

0
550
Il ministro degli Esteri russo Lavrov elogia Fox News

Il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, mentre stava parlando della guerra dell’informazione che l’Occidente sta conducendo contro la Russia, ha elogiato Fox News. Secondo Lavrov, l’Occidente sta conducendo “il terrorismo dell’informazione”.

Cosa ha detto il ministro degli Esteri russo Lavrov?

Il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, ha parlato della guerra dell’informazione che, secondo lui, l’Occidente sta conducendo contro la Russia. Le parole di Lavrov giungono dopo che il governo britannico ha annunciato che il regolatore dei media Ofcom ha revocato la licenza al canale RT per trasmettere nel Regno Unito. Ofcom ha riferito che la revoca della licenza è stata applicata dopo 29 ispezioni riguardanti “l’imparzialità della copertura di RT dell’invasione russa dell’Ucraina”.  Lavrov ha affermato che l’Occidente sta conducendo “il terrorismo dell’informazione”. Secondo il ministro russo, il campo dell’informazione globale è dominato dai media americani britannici e dal mondo anglosassone in generale. Per Lavrov, inoltre, la Russia occupa un posto modesto nel mondo dell’informazione.

Lavrov ha poi parlato della questione della qualità dei media occidentali. Mentre parlava di ciò ha elogiato la rete televisiva americana Fox News. “Abbiamo capito molto tempo fa che non esiste un media occidentale indipendente. Negli USA, solo Fox News sta cercando di presentare un punto di vista alternativo. Ma quando guardi altri canali, quando leggi i social network e le piattaforme Internet, quando il presidente ad interim è stato bloccato, ti rendi conto che questa censura continua su larga scala“, ha sottolineato Lavrov. Il ministro russo ha infine parlato di TikTok. Secondo lui, questi tipi di piattaforme vengono utilizzate per fare il lavaggio del cervello ai bambini.


Leggi anche: Vladimir Putin ha distrutto la società russa

La TV russa taglia improvvisamente il discorso di Putin

Russia: prosegue la repressione del dissenso contro la guerra