Il ministero degli Esteri russo pronto a sostenere i negoziati per SDF per arruolarsi nell’esercito siriano

0
623
Il primo Ministro russo

La Russia è pronta a contribuire ai negoziati tra Damasco e le forze curde in Siria affinché le forze democratiche siriane (SDF) si fondano con l’esercito nazionale del paese, ha detto ai giornalisti il ​​vice ministro degli esteri russo Sergei Vershinin.

“Come abbiamo affermato più volte, siamo a favore dell’istituzione e della continuazione di un dialogo tra i rappresentanti curdi e il governo centrale di Damasco e vediamo i curdi come parte integrante della società siriana”, ha affermato Vershinin dal sito di notizie russo Sputnik turco come dice.

Giovedì il governo siriano ha invitato le forze curde, incluso il principale costituente di SDF, le Unità di protezione dei popoli (YPG), a unirsi alle forze armate del paese contro le minacce al territorio siriano.

Il ministero della Difesa siriano ha affermato che le forze armate erano pronte a ricevere le forze curde e che i ministri degli interni e dell’istruzione hanno dichiarato di essere pronti ad estendere i servizi pubblici nelle aree nord-orientali.

Il comandante della SDF Mazloum Kobani ha risposto alla dichiarazione dicendo che il ministero avrebbe dovuto offrire alla SDF di far parte del sistema di difesa della Siria.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, a seguito dell’incontro con il suo omologo russo Vladimir Putin a Sochi il mese scorso, aveva affermato di essere stato assicurato da Putin che Mosca avrebbe impedito ai membri della SDF di arruolarsi nell’esercito siriano.

La Turchia considera l’SDF e la sua principale forza di combattimento, l’YPG, come minacce alla sicurezza nazionale del paese ed è disposta a continuare con campagne militari per mantenere i gruppi a maggioranza curda fuori dal territorio siriano a sud del confine turco.