Il Milan frena all’Adriatico con il Pescara, solamente 1-1, autogol di Paletta, pareggia Pasalic

0
338

Il Pescara ferma il Milan sull’1-1 allo Stadio Adriatico, duro stop degli uomini di Montella che si vedono allontanare sempre di più l’Atalanta che ha disputato una grande partita contro il Genoa, segnando cinque gol.

Nella formazione rossonera gioca a sorpresa dal primo minuto Calabria che fa accomodare in panchina De Sciglio, mentre Bacca tornato dalla sosta per le Nazionali viene confermato in attacco. Zeman invece da spazio dal primo minuto a Bahebeck, mentre in porta preferisce Fiorillo a Bizzarri.

https://www.youtube.com/watch?v=ZshwhmpIVy4

PRIMO TEMPO – Ad inizio gara sono proprio i padroni di casa a premere di più, portando un pressing molto alto e portandosi più volte in attacco mettendo in difficoltà la difesa rossonera, ma il primo tiro verso lo specchio della porta è da parte di Bacca che al 3° colpisce al volo dopo una ribattuta della difesa abruzzese ma non calibra bene la conclusione.

All’11° il pressing della squadra di Zeman porta i risultati sperati, Paletta arretra e offre la palla a Donnarumma, ma proprio il giovane portiere dell’Italia manca lo stop con il sinistro e si vede passare la sfera a lato e depositarsi in rete, dopo un momento di gelo totale dello stadio per lo stupore, i tifosi abruzzesi esplodono di gioia per il vantaggio inaspettato della loro squadra.

Il Milan tenta subito di riagguantare il pareggio portandosi in attacco correndo però molti rischi nelle retrovie, infatti al 19° è ancora il Pescara a rendersi pericoloso con Bahebeck che dopo un ottima azione manda la palla alta sopra la traversa, la formazione di Montella è sterile nel primo tempo e non riesce a creare molte occasioni subendo molte volte la pressione avversaria sopratutto nelle fasce, al 29° questa volta Donnarumma è decisivo ad allontanare un cross pericoloso.

Sul finale di tempo l’orgoglio rossonero si rifà sentire iniziando a premere di più nell’area abruzzese facendo traballare molto la difesa avversaria. Al 40° difatti il Milan riesce a trovare il pareggio grazie a Pasalic, Deulofeu dopo esser andato via bene sulla fascia arriva il tiro da posizione defilata trovando però l’opposizione di Fiorillo, la difesa padrone di casa cerca di rinviare ma la palla capita sui piedi del croato che con una bella girata sotto porta trova la rete dell1-1.

La prima frazione di gara si conclude senza minuti di recupero su una sostanziale situazione di equilibrio.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa i rossoneri escono più agguerriti dagli spogliatoi tentando di rimontare il risultato iniziale e vincere la partita; la squadra di Montella va vicina più volte alla rete del vantaggio senza trovare la via del gol.

Bacca passati appena tre minuti dal fischio iniziale si rende pericoloso con una conclusione da posizione ravvicinata, ma il suo tiro è bloccato dal muro avversario.

Al 56° ancora i rossoneri si portano vicinissimi al gol con Sosa che raccoglie lo scarico di Bacca, tira di prima intenzione ma la sua conclusione sfiora l’incrocio dei pali; poco dopo Montella apporta il primo cambio alla formazione togliendo un Bacca non all’altezza delle ultime prestazioni per Lapadula, ex della partita e applaudito dallo stadio.

Il Pescara si riporta in attacco con una punizione molto insidiosa di Bovo che però sfila di poco a lato della porta, i rossoneri si rendo pericolosi anche da calcio d’angolo con Romagnoli che colpisce di testa, ma il suo tiro finisce di poco fuori.

Al 66° anche Zeman cambia togliendo Muntari per l’inserimento di Bruno, passati pochi minuti il Milan finisce le proprie sostituzioni a disposizione, fuori Sosa per Locatelli e dentro Kucka al posto di Mati Fernandez.

All’80° Lapadula ha un ottima occasione, ma non riesce bene ad angolare la conclusione e Fiorillo bravo intercetta la palla con le gambe. Zeman rileva Caprari per Cerri e toglie Memushaj per Milicevic.

Nei cinque minuti finali il Milan va vicinissimo alla rete della vittoria prima ancora con Romagnoli che colpisce il palo e poi con Lapadula che calcia a botta sicura ma un difensore abruzzese gli nega la gioia del gol.

Partita facile solo sulla carta per i rossoneri che sprecano un buona occasione per restare in scia della corsa all’Europa, il Pescara invece ha giocato una delle migliori partite del suo campionato arroccandosi bene in difesa e pressando bene nel primo tempo, ma per la salvezza forse ormai è troppo tardi.

Commenti