Il Kuwait vuole trasformare il cimitero dei pneumatici

0
259

La discarica di 2 chilometri quadrati nel nord del paese del Golfo, ricco di petrolio, era dove i pneumatici andavano a morire, per questo lo chiamavano il cimitero dei pneumatici. Alla fine il volume era superiori ai 40 milioni di pezzi.

Cosa vogliono fare al posto del cimitero dei pneumatici

Diciassette anni di scarico di pneumatici e tre incendi massicci tra il 2012 e il 2020 hanno portato a preoccupazioni ambientali, spingendo le autorità a chiuderlo definitivamente. “Abbiamo superato una fase difficile che era caratterizzata da un grande rischio ambientale“, ha detto il ministro del petrolio Mohammed al-Fares alla discarica ormai vuota a circa cinque chilometri dalla provincia di Al-Jahra. “Oggi l’area è pulita e tutti i pneumatici sono stati rimossi per iniziare il lancio del progetto della città di Saad Al-Abdullah”. Negli ultimi mesi, i camion carichi di pneumatici hanno fatto più di 44.000 viaggi dalla discarica alla regione di Al-Salmi, vicino alla zona industriale del Kuwait, dove Fares ha detto che saranno temporaneamente immagazzinati.


Il Kuwait allenta la censura editoriale

Che cosa faranno con gli pneumatici rimossi

Gli pneumatici saranno tagliati o riutilizzati per uso locale o per l’esportazione, aggiungendo che lo stoccaggio soddisferebbe “gli standard internazionali… in caso di incendio”. Secondo lo sceicco Abdullah Al-Sabah, direttore generale dell’Autorità pubblica ambientale, il Kuwait prevede di riciclare tutti i pneumatici ed evitare la necessità di un’altra discarica. “Oggi c’è già una fabbrica che li riutilizza, e speriamo di trovare un altro produttore che contribuisca a porre fine al problema dei pneumatici”, ha detto. Alaa Hassan, direttore del global general contracting di EPSCO, ha detto che la sua azienda estrae le materie prime dai pneumatici, compresi gli elementi utilizzati per pavimentare strade e marciapiedi. EPSCO ha la capacità di tagliare o riutilizzare circa due milioni di pneumatici all’anno, in collaborazione con altre fabbriche.