Il gruppo di veglia sul massacro di Tiananmen si scioglie

0
273

Il gruppo dietro la veglia annuale del massacro di Tiananmen a Hong Kong ha deciso di sciogliersi dopo 32 anni a seguito di un voto in una riunione speciale di oggi, sabato 25 settembre. La decisione arriva dopo mesi di pressioni da parte delle autorità e l’arresto della dirigenza del gruppo.

Quando e perchè è nato il gruppo di veglia sul massacro di Tiananmen?

Fondata nell’anno del massacro di Tiananmen del 1989, l’Alleanza di Hong Kong a sostegno dei movimenti democratici patriottici della Cina ha combattuto per la responsabilità di Pechino, ha sostenuto la democratizzazione della Cina e ha cercato di porre fine al governo del partito unico. Durante il voto di sabato, 41 membri hanno votato a favore dello scioglimento, mentre quattro hanno votato contro. Parlando alla stampa, il segretario della Compagnia dell’Alleanza Richard Tsoi si è detto “triste” per lo scioglimento. “Credo che le persone di Hong Kong, non importa in [una] capacità individuale o altre capacità, continueranno a commemorare il 4 giugno come prima.” Tsoi ha aggiunto che visiterà la tomba del fondatore dell’Alleanza Szeto Wah, poiché credeva che, se fosse ancora vivo, Szeto avrebbe usato tutti i mezzi per pensare a come preservare la propria energia e la speranza della gente. “Credo che [Szeto] fosse una persona di principi, e anche qualcuno che apprezzava la sicurezza del gruppo e come avanzare e ritirarsi a seconda dell’ambiente politico”, ha detto Tsoi.

32 anni di attivismo

Sulla scia della repressione del 1989, l’Alleanza ha contribuito a fornire rifugio e assistenza finanziaria ai leader studenteschi in fuga. Ha lavorato con i sopravvissuti e i parenti delle vittime e ha aperto un museo del massacro di Tiananmen nel 2014. Ogni anno, l’Alleanza organizzava una corsa divertente, un evento di aquiloni e, soprattutto, una veglia di massa a lume di candela nel Victoria Park di Causeway Bay per ricordare il vittime nell’anniversario della strage. A luglio, l’Alleanza ha ridotto il suo comitato permanente e ha annunciato che avrebbe licenziato tutto il personale permanente per motivi di sicurezza. “Come parte della società civile di Hong Kong, [l’Alleanza] è stata particolarmente colpita dalla repressione politica sempre più severa ed evidente“, si legge nella dichiarazione del gruppo, sebbene abbia affermato che avrebbe continuato le operazioni.

Gli attacchi contro l’Alleanza

Per mesi, l’Alleanza ha dovuto affrontare attacchi dal campo pro-establishment e dai media statali che hanno esortato le autorità della città a vietare il gruppo. Un alto funzionario di Pechino per gli affari di Hong Kong ha dichiarato a giugno che coloro che usavano lo slogan del gruppo “fine del governo del partito unico” erano nemici dello stato, mentre un uomo d’affari pro-Pechino ha affermato che il gruppo avrebbe dovuto sciogliersi o essere chiuso da autorità. La veglia, che spesso ha attirato oltre 100.000 persone , è stata vietata nel 2020 e quest’anno con le autorità che citavano il rischio di diffusione di Covid-19.


Attivista di HK arrestato durante la veglia di Tiananmen

Gli arresti

I leader dell’Alleanza Lee Cheuk-yan e Albert Ho sono stati incarcerati ad aprile dopo essersi uniti alle persone in lutto al Victoria Park lo scorso anno, nonostante il divieto. Nelle lettere inviate dall’Alleanza questa settimana, hanno esortato i membri a sciogliere il gruppo. Il nuovo organizzatore Chow Hang-tung è stato arrestato con l’accusa di aver promosso un’assemblea non autorizzata prima della veglia vietata di quest’anno. Anche questa settimana, scrivendo dal carcere, ha esortato l’Alleanza a votare contro lo scioglimento. Durante l’incontro di sabato, è stata fatta circolare tra i membri una nuova lettera di Lee: “Nessun regime può togliere la memoria e la coscienza delle persone, la convinzione dell’Alleanza è già stata ereditata nei cuori di ogni persona di Hong Kong – la speranza è lì. La lotta per rivendicare il 4 giugno e stabilire la democrazia sarà portata avanti da migliaia di persone“.

Registro delle imprese

All’inizio di settembre, il governo ha avviato il processo di cancellazione dell’Alleanza dal Registro delle Imprese. Il segretario alla sicurezza Chris Tang ha inviato una lettera al vicepresidente Chow dicendo che avrebbe chiesto al capo dell’esecutivo del Consiglio di esercitare il proprio potere di eliminare il gruppo in conformità con l’ordinanza sulle società (disposizioni di liquidazione e varie). In una lettera di risposta a Tang, l’Alleanza ha affermato che, poiché tutti i membri del comitato esecutivo sono stati condannati al carcere o rinviati a giudizio, non potevano tenere un incontro “per avere una discussione completa”, ma il gruppo ha confutato le accuse mosse da Tang e dalla polizia. “Dobbiamo sottolineare con tutta serietà che l’Alleanza non è d’accordo o non accetta la classificazione del Commissario di polizia – e la vostra – dell’Alleanza, l’Alleanza inoltre non può vedere che il governo ha prove chiare e ampie per affermare che l’esistenza del L’Alleanza sta mettendo in pericolo la sicurezza nazionale, la sicurezza pubblica e l’ordine pubblico“, si legge nella lettera. “L’Alleanza è stata legalmente registrata a Hong Kong e ha operato legalmente per oltre 32 anni, qualsiasi accusa irragionevole e fuorilegge arbitrario dell’Alleanza, sono una violazione della libertà di associazione protetta dagli articoli 27 e 39 della Legge fondamentale” si legge nella lettera.

La società civile si sgretola

L’Alleanza è l’ultimo gruppo a dimettersi sulla scia della legge sulla sicurezza nazionale, emanata lo scorso giugno da Pechino in seguito alle proteste e ai disordini del 2019. Il 15 agosto, la coalizione di protesta che ha organizzato alcune delle più grandi manifestazioni a favore della democrazia nella storia di Hong Kong ha annunciato che si sarebbe sciolto. Fondato nel 2002, il Fronte per i diritti umani civili ha citato le pressioni delle autorità, appena tre giorni dopo che il più grande sindacato degli insegnanti di Hong Kong ha annunciato che anche lui si sarebbe ritirato.Venerdì, il Politicismo studentesco si è piegato dopo che i suoi leader sono stati arrestati questa settimana in base alla legge sulla sicurezza.