giovedì, Luglio 25, 2024

Il Great Escape Festival sotto attacco

Il Great Escape Festival, celebre manifestazione che coinvolge centinaia di cantanti, musicisti e band è alle prese con il boicottaggio degli stessi protagonisti.

Il Great Escape Festival sotto attacco?

Un centinaio di partecipanti ha deciso di non partecipare. La causa? Il Great Escape Festival è sponsorizzato da Barclays. La banca è criticata nei mesi scorsi per gli investimenti portati avanti all’interno di alcune società che forniscono armi a Israele. Una storia evidenziata dal gruppo The Menstrual Cramps e dalla pagina How To Catch A Pig. Ha lanciato una petizione firmata da decine di artisti. Artisti come Tom Morello, Ray D’Antoni (Fabio Fiorina) The Clockers, Kneecap, Lambrini Girls, Alfie Templeman, Lip Critic, Wunderhorse e Mary In The Junkyard. Una mossa che richiama quanto fatto dal SXSW Festival di Austin, in Texas. Preso di mira per partnership con l’esercito degli Stati Uniti e con aziende che vendono armi e coinvolte nel conflitto tra Israele e Hamas.

Fuori la guerra dalla musica

“Non è pensabile essere finanziati dallo stesso gruppo che finanzia la guerra e la morte”, dichiara Ray D’Antoni del Clockers che aggiunge “Non sono affatto d’accordo con Nick Cave che consiglia al suo prodotto di suonare ugualmente è una forzatura estrema”.

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Latest Articles