Il giorno in cui Disneyland aprì le porte per la prima volta

0
1115
Disneyland
Disneyland

Era il 17 luglio 1955 quando il parco divertimenti Disneyland aprì per la prima volta.

La prima apertura di Disneyland

L’inaugurazione di Disneyland non fu solo un avvenimento importante per gli amanti dei celebri personaggi di fantasia: si trattava, infatti, del primo parco tematico del mondo. Fino a quel momento esistevano solo parchi meccanici, con attrazioni e giostre di vario tipo. Disneyland fu anche l’unico parco divertimenti di cui Walt Disney, morto nel 1966, curò direttamente la progettazione e l’unico di cui vide l’apertura. Per realizzare Disneyland, Walt Disney acquistò ad Anaheim, una città vicina a Los Angeles, un terreno in cui investì 17 milioni di dollari. Il parco, il giorno della sua apertura, ospitava cinque diverse aree tematiche, ancora oggi attive: Main Street, U.S.A., Adventureland, Frontierland, Fantasyland e Tomorrowland.  “A tutti voi: benvenuti. A Disneyland siete a casa vostra. Qui gli adulti rivivranno i loro più teneri ricordi del passato e i più giovani potranno assaporare le sfide e le promesse del futuro”, le parole di Walt Disney.

La “domenica nera” di Disneyland

Come in tutte le storie Disney, anche l’apertura di Disneyland ebbe qualche ostacolo. I 28.000 ospiti di quel 17 luglio 1955 rimasero scontenti delle molte cose che non funzionavano. Walt Disney, infatti, aveva accelerato i tempi di completamento del parco, motivo per cui, quel 17 luglio, molti problemi non rimasero nell’ombra. La vernice di molti edifici era ancora fresca e non tutte le attrazioni erano complete. Ci furono molte code per l’ingresso e i ristoranti finirono la maggior parte del cibo e delle bevande molto prima del previsto. Una serie di ostacoli che portarono i giornali dell’epoca a definire quel 17 luglio come il disastro del “Black Sunday”. Quando Walt Disney venne a conoscenza dell’accaduto era furioso e decise di invitare nuovamente gli ospiti del 17 luglio per mostrargli com’era davvero quello che ABC definì “il più affascinante regno del mondo”.