“Il Giardino degli innamorati” a Merano

0
1069

Scultura-Adamo-ed-Eva-nel-Giardino-degli-Innamorati-a-Castel-Trauttmansdorff

I Giardini di Castel Trauttmansdorff a Merano, dedicati alla Principessa Sissi coprono una superficie complessiva di 12 ettari di paesaggi esotici e mediterranei, vedute mozzafiato, stazioni multisensoriali, suggestive aree a tema e padiglioni artistici per un totale di circa 80 ambienti botanici con piante da tutto il mondo. I Giardini di Sissi rimangono la meta turistica più visitata in Alto Adige con una media di oltre 400mila visitatori a stagione. Numerosi i riconoscimenti internazionali che li hanno fatti conoscere ed apprezzare in oltre 90 paesi nel mondo come un’oasi di relax, arte e cultura. Da quest’anno si cela una nuova e incantevole area del parco, incastonato nel bosco di roverelle: ben 1.500 metri quadrati dedicati all’amore in tutte le sue sfaccettature, tra specchi d’acqua e profumatissime fioriture multicolore, angoli verdi e luoghi appartati invitano a godersi la quiete, riassaporare i ricordi, vivere momenti a due o semplicemente ascoltare se stessi.

“In occasione del 15° anniversario dei Giardini di Sissi, abbiamo voluto essere noi a fare un regalo ai nostri visitatori – afferma Heike Platter, direttrice marketing del parco botanico meranese – Grazie alla sua posizione privilegiata, il ‘Giardino degli Innamorati’ offrirà agli ospiti scorci panoramici mozzafiato sulle catene montuose che abbracciano il parco e sul paesaggio naturale e culturale che di mese in mese trasforma il volto dei Giardini di Sissi”.

Superato il cancello d’ingresso, che invita al buon ritiro perché luogo di silenzio e rifugio segreto, il visitatore s’immerge in un percorso che lo condurrà alla nuova area del parco “ Il Giardino degli innamorati”. Versi in sette lingue, sculture celebranti l’amore si fondono perfettamente con la natura circostante, contribuendo a rendere il giardino il luogo ideale per risvegliare ricordi ed emozioni sopite.Tre padiglioni costituiscono il cuore dell’area, sbocciano da uno specchio d’acqua a compiere un vero e proprio rituale dedicato all’incantesimo dell’innamoramento. Disposti come giganteschi mazzi di fiori a rappresentare l’innamoramento, l’amore e il rispetto, oltre che a simboleggiare una differente fioritura durante l’arco delle stagioni.Il primo padiglione invita gli innamorati all’abbandono: l’acqua della fontana in marmo di Covelano, purifica e aiuta a liberarsi dalle costrizioni e dai sentimenti negativi come la gelosia, il dubbio e l’egoismo. Il secondo padiglione sugella la promessa: la pietra magica in marmo in bianco di Lasa e il cuore, a simboleggiare la passione. Il terzo padiglione regala l’eternità: i desideri immortalati dalla scrittura eternano la promessa d’amore appena compiuta. Il sentiero riconduce infine nel parco dove colori, forme e fragranze concorrono a deliziare gli occhi e lo spirito.

Un vero e proprio tempio dedicato al sentimento: l’amore. Complici piante profumate, opere artistiche, citazioni letterarie, ci si abbandona all’incantesimo dell’amore con leggerezza e serenità, assaporandone il carattere effimero ed eterno.

Dott.ssa Rosa Ferro

Commenti