Nasce una nuova versione di Windows 10, ideata esclusivamente per i nuovi dispositivi a schermo pieghevole.

Microsoft sta collaborando con Dell e Lenovo in modo tale che all’uscita dei dispositivi il software sia già pronto. Si tratterebbe del 19H1, l’aggiornamento di Windows che arriverà in primavera. Ma tale build è identificata dal numero di versione 18313.1004 rs_shell_device_foldables (che significa pieghevoli, appunto).

Windows 10
Windows 10

Poichè il testing di Windows 10 non è pubblico, non è possibile sapere come funzionerà il software. Si può comunque ipotizzare che saranno agevolate le funzioni per il touchscreen e stilo e, anche, una tastiera virtuale.

Dispositivi schermo pieghevole
Dispositivi schermo pieghevole

A proposito di dispositivi pieghevoli, la star del 2019 sarà il Galaxy F, il primo smartphone con schermo flessibile. Pare verrà presentato lo stesso giorno in cui uscirà il Galaxy S10.

L’infinity flex display del Galaxy F è compatto e si apre per rivelare un ampio schermo, stile tablet. Man mano che il dispositivo si apre le applicazioni scorrono dal display più piccolo allo schermo più grande.
Samsung sta lavorando con Google e gli sviluppatori Android per avere un certo numero di app ottimizzate per Infinity Flex Display nonché Galaxy F.

Indiscrezioni suggeriscono che il nuovo dispositivo verrà presentato al prossimo Mobile World Congress previsto per febbraio 2019 a Barcellona.

Secondo l’agenzia di stampa coreana Yonhap News questo dispositivo dovrebbe essere lanciato sul mercato internazionale a due milioni di Won sudcoreani, pari a circa 1.770 dollari e 1.560 euro.

Una cifra ben più alta del top di gamma di Apple, l’iPhone XS Max da 1.449 dollari. Tra l’altro, sempre secondo Yonhap News, il cellulare pieghevole coreano non avrà la connettività 5G, ma solo la 4G. Probabilmente perché Samsung non vuole togliere valore al futuro Samsung Galaxy S10Yonhap News, inoltre, conferma le indiscrezioni già circolate sulle caratteristiche tecniche di questo telefono: maxi schermo pieghevole da 7,4 pollici, schermo posteriore da 4,6 pollici che si attiva solo a smartphone chiuso e, appunto, connettività 4G.

DJ Kho, Presidente Samsung
DJ Kho, Presidente Samsung

Durante la Samsung Developer Conference del 2018 a San Francisco il Presidente di Samsung DJ Koh ha sottolineato che l’azienda produrrà almeno un milione di unità, anche di più se la risposta del mercato sarà buona. Inoltre ha spiegato che il fattore di forma pieghevole non sostituirà quello attuale e la maggior parte degli smartphone del gigante dell’elettronica continuerà ad avere un deisgn classico. Tranne uno: il Samsung W2019 che farà rivivere il form factor flip-phone a conchiglia portandolo su un device di altissimo livello e prezzo: oltre i 1.200 euro.

Samsung Group è un’azienda multinazionale sudcoreana, con filiali in circa sessanta paesi. Comprende numerose aziende affiliate, la maggior parte con il nome madre Samsung, ed è il maggior conglomerato sudcoreano. Venne fondata il 1º marzo 1938. Lee Byung-chul (1910-1987), membro di una facoltosa famiglia di proprietari terrieri, fondò la Samsung Sanghoe. Un’impresa di modeste dimensioni, con una quarantina di dipendenti. Inizialmente era un’azienda di distribuzione di generi alimentari prodotti in città.

Logo Samsung
Logo Samsung

Nel 1954 Lee Byung-chul avviò un’altra impresa attiva nel campo della lavorazione della lana che ben presto divenne il più grande lanificio della nazione. Da quel momento la Samsung è divenuta una grande azienda ramificata in molteplici settori. Il segreto del successo di Lee Byung-Chul fu la capillare diversificazione degli investimenti e le sue strategie di sviluppo economico su vari grandi gruppi nazionali.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here