Il Dantedì: il 25 marzo la prima edizione

Le terzine di Paolo e Francesca lanciate dalla Dante Alighieri

0
501
Il Dantedì

Il Dantedì terrà la sua prima edizione il 25 marzo. Si tratta di un evento istituito dal governo che vede coinvolti scuole, musei, biblioteche, luoghi di cultura e artisti. Si comincia in questo 2020 ad un anno dalle celebrazioni del 2021 quando ricorrerà il 700° anniversario dalla morte.

Il Dantedì: le parole del ministro Franceschini

Il Dantedì

Queste le parole del ministro per i Beni e le attività culturali e per il Turismo, Dario Franceschini: “Questa prima edizione avviene in un momento particolarmente difficile. Le tante iniziative già previste si spostano sulla rete. Per questo rivolgo un appello agli artisti: il 25 marzo leggete Dante e postate i vostri contenuti. Dante è la lingua italiana, è l’idea stessa di Italia. Ed è proprio in questo momento che è ancor più importante ricordarlo per restare uniti”.

Il Dantedì: l’appuntamento alle 18

Per mostrare il nostro amore per l’Italia, la Società Dante Alighieri lancia una campagna mondiale in cui invita ad aprire le finestre e i balconi delle nostre case per leggere il canto dantesco in cui Paolo e Francesca dimostrano che l’amore vince tutto. L’appuntamento è mercoledì 25 marzo alle 18 italiane al suono delle terzine del quinto canto dell’Inferno

Il Dantedì

“Amor, ch’al cor gentil ratto s’apprende,
prese costui de la bella persona
che mi fu tolta; e ‘l modo ancor m’offende.
Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m’abbandona”


da condividere nei social network con hashtag #stoacasacondante #ioamolacultura #WeAreItaly.

E’ un modo, spiega la Società Dante Alighieri, per “dichiarare il nostro amore per l’Italia con Dante“. Si tratta di una campagna mondiale per celebrare il Sommo Poeta “per la prima volta mentre il coronavirus ci ‘offende’, tenendoci separati dai luoghi e dalle persone che amiamo, mentre l’Amore e Dante ci uniscono” spiega.

Commenti