Il Conte di Montecitorio: non staccheremo la spina a Draghi

0
213
conte vs Casaleggio Jr

Il Conte di Montecitorio: “Non staccheremo la spina a Draghi, e prometto dialogo e apertura. Il movimento 5 stelle non sarà mai un partito“. Non so se esserne felici o no, certo è che il suo meglio M5S lo ha datto come forza di rottura e non di accomodamento.

Il Conte di Montecitorio sferra una vendetta calcolata?

Dopo l sua esperienza governativa e il Tiro mancino di qualche fanatico fallito, Conte si prepara a far sentire la sua presenza. Il suo volere un dialogo costante con il Pd ma senza dimenticare di guardare ai moderati, ha l’aria di una ampia unione di intenti, che potrebbe coinvolgere forze di centro, lasciando la destra senza vie di fuga. Dice di non aver nessuna intenzione di staccare la spina al governo di unita’ nazionale guidato da Mario Draghi. Giuseppe Conte e leader in pectore di M5s, sempre piu’ vicino al traguardo dopo l’accordo con Davide Casaleggio. Invitato in tv dichiara apertamente la sua leadership, assicurando che con il M5s ci sarà sorprendersi. “Il Movimento restera’ movimento e non diventera’ partito. Quindi, un tavolo fra leader per rafforzare il sistema costituzionale e allontanare l’Italia dalla politica dei personalismi“. Sembra deciso a resettare l’azione del Movimento, che sicuramente nell’ultimo periodo, sembrava troppo istituzionalizzata rispetto alle sue origini rivoluzionarie.


Il futuro del Movimento 5 Stelle secondo Conte


Pieno appoggio a Draghi

Se mi conoscete un po’ non mi si puo’ attribuire questo pensiero recondito, perche’ da parte mia e di M5s c’e’ lealta’ verso la comunita’ nazionale prima ancora che verso lo stesso attuale presidente del Consiglio. Un punto di rottura ci sarebbe se sistematicamente, le nostre battaglie, i nostri principi non negoziabili li oscurasse. Ma sempre in modo chiaro e leale“. Insomma una posizione leale dal nuovo leader di 5 stelle.