Il contagio d’amore tra i figli di Dio

Il Papa ai fratelli cristiani anglicani lancia un messaggio affinchè l'amore contagi quanti sono fratelli in Cristo

0
381
contagio d'amore

In occasione della veglia ecumenica di Pentecoste organizzata dalla Chiesa Anglicana di Cristo a Gerusalemme il Papa lancia un messaggio inequivocabile. Proprio in quella terra testimone della discesa dello Spirito Santo sui discepoli e su Maria. Dal luogo in cui i discepoli presero la via per portare dappertutto il contagio d’amore che Gesù consegnò loro. Untori d’amore, nell’accezione positiva del termine, ecco cos’erano i discepoli e cosa dovevano diventare i cristiani. Il messaggio del Cristo morto sulla croce era molto chiaro. Ma dopo secoli quel messaggio e quel contagio d’amore si è perso tra le pieghe del tempo, tra le lame delle spade e tra la polvere da sparo. I cristiani non si amano tra di loro.

Cos’è la Pentecoste?

Con la Pentecoste i cristiani ricordano e celebrano il dono che Gesù diede ai sui discepoli: la discesa dello Spirito Santo e la nascita di fatto della Chiesa cristiana. Come i vangeli ricordano, mentre tutti i discepoli si trovavano nella stessa stanza udirono un forte boato, il vento s’impossessò del luogo dove risiedevano e tante fiammelle di fuoco si posarono sui capi dei presenti. In quel momento l’effusione dello Spirito divino s’impossessò di loro e cominciarono a parlare lingue diverse. Proprio su questi fatti si sofferma il Santo Padre. Il contagio d’amore attraverso il messaggio di Gesù. Quel messaggio che fu portato nel mondo, attraverso il dono delle lingue per arrivare a tutti e dappertutto. Un momento importante della storia del cristianesimo.

Contagio d’amore tra i fratelli in Cristo

Ricorda Francesco, nell’intervento fatto tramite video ai fratelli anglicani, che l’amore era contagioso a quei tempi. Perchè chiunque incontrava i discepoli del Cristo risorto veniva investito dall’amore fraterno. “Guardate come si amano”, ricorda questa frase il Papa, questo faceva la differenza nel divulgare la verità di Gesù. Yeshua è l’emblema dell’amore, chiunque si professi cristiano non può dimenticare che per un atto d’amore verso l’umanità accettò di morire. Perchè, un uomo che sconfiggeva la morte poteva scampare anche alla sua. Ma l’esempio di Gesù era fortissimo e favorì la conversione al cristianesimo. Oggi si può ancora dire che i cristiani si amino? Bergoglio lo chiede, se lo chiede e noi dovremmo prendere spunto da questo. Quando è successo che i fratelli hanno cominciato ad odiarsi? Purtroppo forse a posteriori dobbiamo dire che il peccato di Caino l’umanità lo porta nel DNA.


L’ordinazione episcopale di Monsignor Mazzafaro


L’unità del cristianesimo è la chiave di volta per Francesco

Per il Papa oggi più che mai è necessaria l’unità dei cristiani. Seppur le professioni sono diverse essere accomunati dal cristianesimo ci rende a maggior ragione “fratelli”. Ciò non toglie che tutta l’umanità deve essere unita dallo spirito della fraternità aldilà della religione, razza e colore. Come la pandemia e il virus hanno contagiato il mondo allo stesso modo l’uomo deve operare il contagio dell’amore. Bergoglio esorta a ricordare l’amore che i primi membri della chiesa, i fondatori, avevano gli uni con gli altri e a rifondare le nostre vite su quell’amore. Che forse ancora c’è qualche speranza.