Il conflitto a Nagorno Karabah influenza tutta la regione

0
263
Il conflitto a Nagorno Karabah

Iran, Egitto e Golfo guardano con cautela il conflitto a Nagorno Karabah tra Azerbaigian e Armenia. I precedenti scontri tra Armenia e Azerbaigian nel 2016 e nel luglio di quest’anno non hanno ricevuto lo stesso livello di attenzione.

Il conflitto a Nagorno Karabah visto dal Medio Oriente

Il Medio Oriente sta osservando da vicino l’esito dei combattimenti tra Armenia e Azerbaigian. Questo è insolito perché i precedenti scontri del 2016 e del luglio di quest’anno non hanno ricevuto lo stesso livello di attenzione.

La ragione potrebbe essere il profondo coinvolgimento della Turchia nell’esercitare pressioni sull’Azerbaigian per spingere in avanti e “liberare” il territorio.

I combattenti siriani, per lo più della minoranza turkmena, sono stati reclutati per combattere dalla parte di Baku. Il partito al governo della Turchia, che ha stretti rapporti con Hamas e i Fratelli musulmani, vuole che la regione veda il conflitto come un conflitto “islamico” e importante per i turcomanni.

Il 1° ottobre, la Turchia ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che “Gerusalemme è nostra“, che sembra collegare la sua politica estera di minaccia a Israele alla sua politica di cercare di appiccare il fuoco contro l’Armenia.


L’Armenia attaccata da Turchia e Azerbaijan


Attacco indiretto alla Russia nel conflitto a Nagorno Karabah

Ankara ha molto da guadagnare dal conflitto, guadagno che è condivisibile con gli interessi di Baku. Per esempio, Ankara usa il conflitto per fare pressione sulla Russia a Idlib, Siria.

La Russia ha cercato di mettere in sicurezza l’autostrada M4 a Idlib e attualmente ha aperto la strada all’esercito arabo siriano alla conquista dell’ultima roccaforte dei militanti appoggiati dalla Turchia. Ci sono voci di discussioni tra Russia e Turchia, per prendere il controllo del conflitto tra Armenia e Azerbaigian e collegarlo alla Siria.

Portare il Caucaso sotto influenza turca usando come ponte di lancio l’Azerbaijan. Durante le due guerre russo cecene non sono mai mancati guerriglieri turchi e finanziamenti in funzione anti Russia.

La Russia appoggia il Generale Haftar in Libia in funzione anti turca, con un dispiegamento in campo di armi e personale per contenere le mire della Turchia in Libia. La Russia ha da sempre appoggiato e fornito all’Armenia i migliori sistemi di difesa e ha continuato a fornire aiuto in maniera indiretta anche durante il conflitto in corso. Questo dimostra che a confrontarsi a livello regionale sono la Russia e la Turchia.


Assistenza militare russa per l’Armenia solo se necessaria


Simpatie Iraniane verso l’Armenia

L’Iran ha una simpatia comprensiva dell’Armenia. Iran’s Fars News ha cercato di far apparire il conflitto a Nagorno Karabah come “islamico” per ridurre il sostegno all’Azerbaigian da parte dei manifestanti azeri in Iran.

Ci sono milioni di membri della minoranza azera in Iran e la leadership del Paese teme qualsiasi protesta etnica locale perché sa che minerà il governo. Gli azeri che cantano per le strade slogan contro gli armeni e contro la Russia hanno allertato il governo il quale si è mosso per cercare di incanalarli in una direzione diversa.

Sabato, l’Iran’s Fars News ha scritto che l’Armenia ha abbattuto un aereo militare azerbaigiano. Teheran sta chiaramente osservando da vicino quale possa essere il risultato. Non vuole che il conflitto continui.

Iran’s Fars News ha pubblicato un secondo articolo sul punto di vista dell’Iran sul conflitto, sostenendo che l’Iran non vuole che si verifichi una ricaduta della guerra e che sta avvertendo le parti coinvolte di fermarsi.

Nel frattempo, anche i media che simpatizzano con l’Iran e Hezbollah hanno scritto sul conflitto. Al-Mayadeen ha notato che la Turchia è “in declino” e quindi sta alimentando le lotte nel Caucaso. Gli stessi media hanno rilevato che ci sono scontri nelle campagne di Aleppo, mostrando come la Siria sia legata alle battaglie del Nagorno Karabakh.

Di recente l’Armenia ha richiamato il suo ambasciatore in Israele dopo aver scoperto che quest’ultimo ha fornito armi all’Azerbaijan in funzione anti Armenia.

Egitto e Emirati Arabi neutrali nel conflitto a Nogorno Karabah


Nel frattempo, i paesi che tendono ad opporsi all’aggressione della Turchia, come l’Egitto e gli Emirati Arabi Uniti (EAU), sono stati meno critici nei confronti dell’offensiva dell’Azerbaigian. Questo perché, pur considerando pericolose le ambizioni dei Fratelli musulmani di Ankara a Gaza e in Libia, non vedono Baku come un problema.

Preferirebbero, come sembra preferire Israele, un buon rapporto con l’Azerbaigian e non lasciare che Baku si avvicini troppo alla Turchia.


L’Intervento russo in Siria compie 5 anni


Gruppi di alleanze di cui l’Azerbaijan non fa parte

La stretta relazione di Israele con l’Azerbaigian, apparentemente a fianco della Turchia, sconvolge così alcuni dei consueti schemi della regione in cui Ankara e Gerusalemme si oppongono.

Ciò è dovuto in gran parte al fatto che questo conflitto è stato visto come al di fuori del sistema di alleanze in Medio Oriente fino alle ultime settimane. Ora quel sistema di alleanze assume una maggiore importanza dal Mediterraneo orientale al Caucaso, poiché è tutto collegato a livello globale.

Il sistema generale di alleanze regionali negli ultimi anni si è cementato intorno a diversi gruppi. C’è il gruppo Israele-UAE-Bahrain-Jordano-Egitto-Grecia-Cipro che è legato anche al ruolo dell’Arabia Saudita.

C’è il gruppo Turchia-Qatar-Gaza-Libia che sostiene il governo di Tripoli. Poi c’è il gruppo Iran-Hezbollah-Houthi-Siria-Governo di Baghdad che comprende gli alleati e i delegati dell’Iran in tutta la regione.

L’Azerbaigian non rientra in questi gruppi perché ha cercato una politica estera indipendente e di non essere coinvolto in dispute in Medio Oriente. Tuttavia, sembra che alcuni paesi vogliano collegare queste battaglie al Medio Oriente.

In un mondo in cui il ruolo egemonico degli Stati Uniti degli anni ’90 sta cambiando rapidamente, il ruolo di grandi Stati come la Russia, la Turchia e l’Iran sta crescendo.

Commenti