Il cibo trasformato un’invenzione moderna, antica quanto l’umanità

0
528
Il cibo trasformato

“L’uomo è ciò che mangia”

FEUERBACH 1850

Questo concetto nel 2021 questo concetto è ancora valido? La risposta è sì. Le teorie della ricercatrice Nicola Temple ci spiegano quali sono le ragioni sociologiche e antropologiche hanno spinto l’uomo a trasformare il cibo.

Fame nel mondo: l’assenza di cibo è l’ombra della pandemia

Il cibo trasformato e lo sviluppo antropologico

Il cibo trasformato non è solo un’invenzione moderna, creata nelle fabbriche con ingredienti artificiali. Al contrario, stiamo parlando di un modo di concepire il cibo antico quasi quanto l’umanità stessa e potrebbe aver contribuito a creare la nostra specie, scrive Nicola Temple.

La ricercatrice di origine canadese ha raccontato così il suo rapporto con il cibo.

“La mia prima introduzione agli alimenti trasformati è iniziata da bambina nelle zone rurali del Canada. Lì coltiviamo il 90% circa di ciò che mangiavamo nella nostra fattoria di sette acri. Dopo un’estate spensierata passata a catturare lucciole e rane, arrivava agosto e iniziava la la preparazione per l’inverno. Nell’umidità soffocante di un’estate dell’Ontario, appollaiati su mobili da cucina in vinile degli anni ’70, lavoravamo tutti i nostri prodotti coltivati ​​in casa in modo che ci nutrissero durante il lungo e freddo inverno.”

“Anche quello era cibo trasformato!” – scrive Nicola “Tuttavia, in questa epoca in cui viviamo questo meccanismo ha assunto una connotazione molto più negativa. Le parole evocano immagini di snack simili a polistirolo ricoperti di “formaggio” o pasti “basta aggiungere acqua”. 

Il cibo del futuro: dai micrortaggi agli insetti

Possiamo dipingere tutti gli alimenti trasformati con lo stesso pennello di disprezzo? 

Secondo Nicola Temple, spesso ci dimentichiamo che le innovazioni nella lavorazione degli alimenti hanno anche contribuito a migliorare la nutrizione, a ridurre gli sprechi alimentari e soprattutto hanno permesso di offrire più tempo libero. È molto più complesso affermare che tutti gli alimenti trasformati sono cattivi. Il cibo trasformato ha, nel bene e nel male (e probabilmente in entrambi), cambiato il nostro rapporto con il cibo. Molto tempo prima, ci ha plasmati come specie.

L’evoluzione umana e la necessità di lavorare il cibo

Il nostro parente ominide, l’Homo habilis, vissuto tra 2,4 e 1,4 milioni di anni fa, mette a nudo le prime prove della lavorazione del cibo. A differenza dei suoi predecessori evolutivi, l’habilis aveva denti relativamente piccoli. Si pensa che una tale tendenza evolutiva è stata possibile solo attraverso la manipolazione del cibo. Pensiamo ad azioni come battere le radici con pietre o affettare sottili strisce di carne avrebbero portato ad una riduzione del 5% del processo di masticazione. Con meno sforzo dell’apparato della bocca che comprende: mascelle, muscoli e denti, il corpo può indirizzare quei tessuti energeticamente costosi altrove, facendo sì che il viso diventi più piccolo rispetto alla dimensione complessiva del cranio.

Secondo alcuni studi l’Homo erectus e l’Homo neanderthalensis avevano denti molto più piccoli di quanto si potesse prevedere in base alle dimensioni del loro cranio. Questa riduzione è possibile solo se il cibo fosse diventa più facile da masticare, e questo probabilmente sarebbe stato ottenuto solo attraverso il trattamento termico ovvero la cottura.

Il cibo cotto richiede il 22% in meno di muscoli per masticare e può rilasciare energia (calorie) che altrimenti potrebbe essere inaccessibile nel prodotto crudo. Oltre a mettere probabilmente i nostri antichi antenati su una tendenza verso piccole facce e grandi corpi, il cibo trasformato ha portato a un significativo guadagno nel tempo libero. Meno tempo trascorso a masticare lasciava la bocca libera di sviluppare un linguaggio orale complesso. L’energia potrebbe essere diretta alla crescita di un cervello più grande piuttosto che a un meccanismo di masticazione pesante, e il cibo cotto alimentava quel cervello affamato di calorie. 

“Quando dico che il cibo trasformato ci ha aiutato a plasmarci come specie, lo dico letteralmente.” sostiene  Nicola Temple

Tuttavia, continua a farlo e questo è forse più preoccupante. Gli alimenti ultra-elaborati sono stati sicuramente collegati alle nostre dimensioni corporee in continua crescita e la nostra dieta morbida e cotta è in definitiva la causa dei denti disallineati. Viso piccolo, corpo grande, denti storti: forse questa non è una tendenza che vogliamo continuare.

I fattori soci antropologici che hanno forzato l’innovazione alimentare

Ciò che ha spinto i nostri antenati secoli fa a lavorare il cibo è stato il bisogno di poterlo conservare. che Tutt’oggi principale motore della lavorazione del cibo. I progressi della tecnologia significano che ora possiamo congelare rapidamente i prodotti nel pieno della stagione. Così facendo siamo in grado di bloccare quei nutrienti essenziali che verranno rilasciato solo al momento della cottura.

Tra i fattori che hanno portato alla lavorazione del cibo ci sono le guerre e le pestilenze. La morte per malnutrizione in battaglia sono stato un elemento che ha contribuito alla ricerca di metodi per la conservazione e il trasporto del cibo. 

Nel 1912, invece, un cambiamento nella legislazione nel Regno Unito rese necessario che la classe media concedesse al proprio domestico una mezza giornata libera ogni settimana; questo guidò le prime iterazioni del “pasto pronto” quando le casalinghe della classe media si trovarono improvvisamente a dover cucinare una cena alla settimana.

Plastic free: alcuni metodi per conservare il cibo in modo sostenibile