Il castello di Malbork

Un castello leggendario

0
344
Il castello di Malbork

Il castello di Malbork si trova sulla sponda bassa del fiume Nogat a circa 40 km dal Mar Baltico. Il fiume costituisce un limite naturale dei terreni del castello di Malbork. Gli altri due lati sono protetti dalle paludi mentre il lato sud è fortificato in modo formidabile da mura e torri. All’interno di questo recinto si trovano tre strutture difensive autonome unite da una complessa rete di fortificazioni.

Il lato amministrativo del castello di Malbork

Il castello esterno ospitava gli uffici, il personale di servizio e le officine necessarie per sostenere l’ordine militante. Oltre ad essere il centro amministrativo ospitava anche la foresteria. La parte superiore del castello è considerato il cuore di questa fortezza monastica con chiese, sala capitolare, dormitori, refettorio, cucina ecc.

Il castello di Malbork sede monastica

Il castello di Malbork di necessità virtù

Il castello fu costruito con mattoni perché nella regione mancavano pietre da costruzione di qualità. Tuttavia era necessario concepire una solida base per far resistere il castello dagli attacchi degli invasori. Quindi i primi 2 metri delle mura furono costruiti usando massi fluviali intervallati con pietre più piccole. I mattoni sono stati fatti e cotti sul posto nel cortile esterno usando il fango delle rive del fiume. Più tardi la fabbricazione dei mattoni fu spostata sulla sponda opposta del fiume affinché il sito potesse essere pulito e non somigliante ad una fornace. La pietra veniva usata anche per elementi decorativi ma con molta parsimonia, in particolare negli ingressi della chiesa e della sala capitolare. Si stima che nella costruzione siano stati usati circa 30 milioni di mattoni.

Una storia che sa di leggenda

Il castello di Malbork

La posizione strategica del castello di Malbork sul fiume conferiva ai cavalieri Teutonici il monopolio del commercio fluviale consentendo loro di riscuotere pedaggi fluviali dalle navi di passaggio. Il castello rimase di proprietà dei cavalieri Teutonici per circa 150 anni fino alla conquista da parte dell’esercito polacco durante la Guerra dei Tredici Anni. Divenne la residenza reale dei re polacchi per i successivi 300 anni oltre il doppio del tempo in cui è stata sede dell’Ordine monastico.

Commenti