Il Tombolato è il primo scenario dei playoff di Serie B, infatti questa sera si sono affrontate Cittadella e Carpi, gara secca tra la sesta e la settima classificata alla fine della regular season.
Venturato si affida a Chiaretti alle spalle del duo Arrighini-Litteri; Castori invece punta su un 4-4-2 con in avanti la coppia Lasagna-Mbakogu.

PRIMO TEMPO – Il Cittadella punta subito a sbloccare il risultato puntando sulla velocità degli esterni di gioco e creando numerose occasioni da gol sopratutto nei primi minuti. Ci prova prima Arrighini dopo appena un minuto ma Belec vede partire la conclusione e lascia sfilare sul fondo e poi Litteri con un tiro dalla distanza non riesce a impensierire il portiere avversario che con una comoda parata fa ripartire i suoi compagni.

Il Carpi gestisce bene la partita sopratutto nella fase difensiva e quando le azioni si spostano in attacco si rende maggiormente pericoloso dei padroni di casa, al 10° ottimo scatto sulla fascia di Di Gaudio, Alfonso salva tutto con un ottimo intervento spedendo la palla in corner.
La gara è molto aperta e nessuna delle due squadre riesce a prendere il sopravvento nel gioco sull’altra squadra, favorendo così lo spettacolo per questi playoff. Il Cittadella non si lascia intimidire dalle pericolosità degli ospiti e va vicina al vantaggio sia con Salvi e poi con Iori che al centro dell’area di rigore non riescono a trovare il tap-in vincente.

Al 20° gli emiliani riescono a riaffacciarsi in attacco e a rendersi ancora una volta pericolosi, questa volta l’iniziativa è di Lasagna che salta secco un avversario e lascia partire la conclusione, sulla traiettoria il pallone viene deviato da Iori che per poco non beffa il suo stesso portiere, bravo Alfonso a parare d’istinto.

Il Carpi deve rischiare di più per passare il turno in quanto il pareggio non basta alla squadra di Castori, visto il miglior posizionamento del Cittadella nella classifica finale. Così al 32° ci pensa Lollo a portare in vantaggio gli ospiti con una bordata da fuori area che si insacca con precisione chirurgica all’incrocio dei pali, niente da fare per Alfonso che si allunga ma non arriva a deviare il perfetto tiro del centrocampista avversario.

Dopo lo svantaggio la squadra di Venturato sembra aver accusato il colpo non riuscendo più a creare geometrie come nei primi minuti. Il Carpi gioca bene e nel primo tempo riesce a gestire senza problemi il risultato.

SECONDO TEMPO – Ad inizio ripresa i padroni di casa provano a spingere per trovare il pareggio, ma ancora una volta a rendersi maggiormente pericoloso è il Carpi che sfiora il gol in ben due occasioni, entrambe le volte con Lasagna prima da calcio di punizione e poi al centro dell’area di rigore a botta sicura il numero 15 calcia verso la porta, ma un’incredibile parata di Alfonso sulla linea di porta nega la rete.

Al 62° primo cambio per Venturato, in modo tale da portare nuove occasioni in attacco, fuori Chiaretti dentro Iunco. Tre minuti più tardi è ancora Lasagna a divorarsi il gol del raddoppio, non riuscendo a trovare la porta in scivolata al centro dell’area di rigore a porta praticamente spalancata.

Dopo i numerosi tentativi sbagliati dalla squadra di Castori, Jerry Mbakogu decide si chiudere la sfida play off con la rete del raddoppio, ottima cavalcata di Letizia che dalla fascia scarica la palla per l’attaccante il quale da solo davanti al portiere avversario non sbaglia e gonfia la rete, portando la qualificazione ad un passo per il Carpi.

Le emozioni in questa gara non finiscono mai di arrivare, pochi attimi più tardi del raddoppio ospite, il Cittadella riaccende la partita con il gol che dimezza lo svantaggio, è proprio il nuovo entrato Iunco a far esplodere il pubblico al Tombolato, ottima incornata al centro dell’area di rigore per l’attaccante granata e risultato di nuovo cambiato.
I padroni di casa ci credono nella rimonta e nella qualificazione e con due cambi in rapida successione decidono di spingere maggiormente sull’acceleratore, fuori Bartolomei e Litteri dentro Schenetti e Kouamè.

Il Cittadella tenta di trovare la rete del pareggio, ma delle grandi parate di Belec su Iori e l’imprecisione sotto porta degli attaccanti non favoriscono i padroni di casa. Nei cinque minuti finali Castori apporta tutte e tre le sostituzioni a disposizione, fuori Di Gaudio, Jelenic e Lasagna, dentro Concas, Romagnoli e Sabbione.

Dopo i sei minuti di recupero concessi dall’arbitro il Carpi riesce ad espugnare il Tombolato, delusione e rammarico tra i giocatori del Cittadella, gioia e emozione tra quelli del Carpi che con un’ottima prestazione accedono alla semifinale dei playoff dove sfideranno il Frosinone.

 

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here