Il cammino di Dante: un progetto culturale e sportivo

0
214
Il cammino di Dante

Spesso trekking e cultura si incontrano. Facendo in modo che le persone possano non solo passeggiare in mezzo alla natura, ma anche seguire itinerari culturali. La lunghezza di questi percorsi varia. Può trattarsi di qualche chilometro. Così come di centinaia di chilometri. Tra questi percorsi va annoverato Il cammino di Dante. Un’associazione nata nel 2012 in onore del Sommo Poeta. E che vuole unire il piacere del trekking alla cultura. Partendo dunque da un percorso che parte da Ravenna e arriva a Firenze. O viceversa.

Cosa c’è da sapere su Il cammino di Dante?

Come già accennato, Il cammino di Dante nasce nel 2012. A occuparsene è un’associazione no-profit. Il cui scopo è “Far conoscere il panorama naturalistico del viaggio di Dante, protagonista in alcuni Canti della Commedia“. È quanto si legge sul sito ufficiale. Non solo, però. Gli organizzatori desiderano anche “Collaborare con gli istituti d’insegnamento per far avvicinare bambini e ragazzi a Dante e al patrimonio culturale attraversato dalla Via“. Un progetto che vuole, dunque, coinvolgere anche i più giovani. Gli organizzatori vorrebbero, infatti, sensibilizzare le nuove generazioni sull’importanza della cultura locale. Sulla sua valorizzazione. E, anche, sul suo mantenimento. Insomma, il Sommo Poeta diviene protagonista di un progetto culturale su vasta scala. In cui natura e letteratura entrano, ancora una volta, in stretto contatto.


L’esilio di Dante Alighieri: il Sommo Poeta dice addio a Firenze


Alcune informazioni utili

Il cammino di Dante è lungo circa 380 km. Si può decidere se partire da Ravenna per poi arrivare a Firenze. O viceversa. I due punti estremi sono il Museo Casa di Dante, che si trova a Firenze, e la Tomba di Dante, situata invece a Ravenna. Il percorso è suddiviso in venti tappe. Suddivise nelle due varianti. Inoltre, il cammino di Dante è organizzato in modo che non sia sempre necessario passare per strade asfaltate. Per quel che riguarda il cibo, lungo il percorso è possibile trovare negozi non troppi costosi. Stessa cosa per piccoli alberghi e hotel, pronti a ospitare i turisti. Non si tratta, però, di un percorso storicamente certo. Il cammino vuole, infatti, mettere in risalto luoghi citati nella Commedia. O, anche, luoghi che lo stesso Dante ha visto di persona.

Il cammino di Dante: cosa si deve fare per prenotare il viaggio?

Innanzitutto, si deve andare sul sito ufficiale. Procedendo poi con l’iscrizione all’associazione no-profit. Sul sito sono, infatti, proposte tre formule di tesseramento. I costi si aggirano tra gli otto e i venticinque euro. L’iscrizione permette, dunque, di avere le credenziali e il materiale necessario per il percorso. A causa della pandemi, inoltre, sul sito si invita a prenotare con un certo anticipo. Per i periodi al di fuori di luglio e agosto, è richiesto prenotarsi almeno due o tre settimane prima. Per quel riguarda luglio e agosto, invece, si richiede di prenotarsi due mesi prima. I posti per la notte sono, infatti, limitati. Un’altra richiesta riguarda i gruppi composti da più dieci persone. In quel caso è necessario contattare, via telefono o email, l’associazione. In modo, dunque, di avere le informazioni necessarie e trovare un periodo adatto. Le altre informazioni sono facilmente reperibili dal sito ufficiale tramite le F.A.Q.

Commenti