Il BioBus alimentato con biometano

0
484

biobus

Dal 2014 in Inghilterra è in servizio tra Bath, una cittadina termale dove la modernizzazione negli ultimi anni è stata strabiliante, e  l’aeroporto di Bristol, il primo autobus alimentato esclusivamente con biometano prodotto da rifiuti di cibo e di feci umane, trattate e trasformate nell’impianto gestito dalla società energetica Geneco a Wessex Water. La stampa britannica non ha esistato a ribattezzare l’autobus “poo-bus” – letteralmente “cacca-bus”.  Un pieno di gas, che equivale a rifiuti corporei prodotti da 5 persone in un anno, è sufficiente per percorrere 190 Km, con emissioni inquinanti molto inferiori a quelle del più moderno motore a diesel.

biobus 2

Il BioBus conta quaranta posti, e ricorda con il suo design  la sua alimentazione energetica, inevitabilmente inesauribile.

L’impianto della Geneco tratta ogni anno 75 milioni di metri cubi di acqua reflue e 35 tonnellate di scarti alimentari per produrre, tramite digestione anaerobica, 17 milioni di tonnellate di biometano ogni anno, utilizzato per le utenze di 8.300 abitanti sulla rete nazionale, oltre che per il BioBus.

Non si tratta in realtà del primo sistema pensato per essere alimentato coi rifiuti prodotti dal nostro corpo. Da qualche anno infatti si lavora sulla pipì per ricavare i futuri carburanti per razzi e veicoli spaziali ma anche per le auto, al posto della inquinante benzina.

Dott.ssa Rosa Ferro

Commenti