mercoledì, Luglio 24, 2024

Il biglietto di trasporto tedesco da 49 euro ottiene il via libera del Bundestag

Giovedì i parlamentari tedeschi hanno votato per approvare il progetto di introdurre un biglietto per i trasporti pubblici di 49 euro. Il voto ha riguardato principalmente la questione del finanziamento del piano, che verrà offerto il 1° maggio. Di conseguenza, il governo federale spenderà 1,5 miliardi di euro (1,6 miliardi di dollari) all’anno negli anni 2023-2025. Oltre a ciò, coprirà la metà dei costi di introduzione del sistema nel corso di quest’anno. Il finanziamento oltre il 2025 sarà affrontato in seguito. Il voto di giovedì ha visto una discussione sullo sviluppo generale dei prezzi dell’iniziativa, con il costo mensile di 49 euro (52 dollari) fissato dai politici come prezzo introduttivo che potrà essere aumentato in seguito.

Come funziona il biglietto da 49 euro

Il biglietto mensile da 49 euro sarà valido per tutti i trasporti locali in treno e in autobus in Germania e fa seguito al popolarissimo biglietto estivo da 9 euro, che copriva i viaggi locali di giugno, luglio e agosto. Il ministro federale dei Trasporti Volker Wissing, del Partito Democratico Libero (FDP), ha scritto su Twitter: “Il biglietto per la Germania è in arrivo”: “Il biglietto per la Germania è in arrivo. La più grande riforma del trasporto pubblico nella storia della Germania”. Uno schermo informativo mostra un annuncio per il cosiddetto biglietto da 49 euro o Germania Uno schermo informativo mostra un annuncio per il cosiddetto biglietto da 49 euro o Germania.

Biglietto da 49 euro: Una svolta o una boiata?


“Milioni di persone trarranno vantaggio da questa decisione”, ha commentato Dirk Flege, direttore esecutivo di Alliance pro-Schiene (Alleanza pro-ferrovia), un’associazione che promuove l’utilizzo della ferrovia da parte di organizzazioni non profit e aziende del settore ferroviario. Flege ha definito il cosiddetto biglietto per la Germania “una vera svolta” in quelli che ha definito “tempi cupi per il trasporto pubblico”. I membri della coalizione di governo di Berlino, composta da SPD, Verdi e FDP, hanno votato a favore del ticket. I partiti dell’Unione dell’opposizione (CDU/CSU) e l’AfD di estrema destra hanno votato contro il piano. Il Partito della Sinistra si è astenuto dal voto. Coloro che hanno votato contro il progetto di legge hanno espresso preoccupazione per il costo finale del programma e per l’impatto negativo che potrebbe avere sul finanziamento dell’espansione e del miglioramento delle infrastrutture di trasporto. Il portavoce della CDU/CSU per i trasporti, Thomas Bareiss, si è scagliato contro il ticket per la Germania, definendolo uno “sconto ordinato dal governo che costerà ai contribuenti un bel po’ di soldi”. Bareiss ha definito il piano di finanziamento della coalizione “poco serio e insostenibile”, affermando che i soldi sarebbero mancati per altri progetti successivi. Bareiss ha poi avvertito: “Il servizio di trasporto pubblico non sarà migliorato, in alcune regioni potrebbe addirittura peggiorare”.

Le ferrovie tedesche in uno stato disastroso

Reinhard Sager, presidente dell’Associazione delle contee tedesche (Deutscher Landkreistag), si è lamentato con Funke Media Group del fatto che il biglietto non affronta “i problemi fondamentali di un sistema di trasporto pubblico attraente e orientato al futuro”. I prezzi bassi dei biglietti da soli, ha detto, non possono sostituire l’inadeguatezza dell’offerta [di trasporto]. Un recente rapporto interno della Deutsche Bahn (DB), il fornitore nazionale di servizi ferroviari della Germania, ha rilevato che gran parte delle sue infrastrutture di 33.000 chilometri (20.505 miglia) sono in cattivo stato. L’azienda afferma di aver bisogno di circa 89 miliardi di euro per le riparazioni e la manutenzione. Martedì scorso, l’Ufficio federale di revisione contabile tedesco ha confermato che la DB si trova in uno stato di crisi permanente. L’ufficio ha poi criticato il governo federale, proprietario di DB, affermando che “il governo è ben lontano dal risolvere i problemi” di DB. Il progetto di legge del Bundestag, che prevede l’esborso di 49 euro, passerà ora al Bundesrat, l’organo legislativo che rappresenta i 16 Stati della Germania, per la votazione del 31 marzo, dove si prevede che venga approvato.

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles