Ikea: inizia la rivendita dei mobili usati. Di cosa si tratta

0
300
ikea rivendita

Ikea torna a mettersi in gioco. L’azienda ha da poco annunciato l’introduzione di un programma di riacquisto e rivendita di mobili volto a combattere il cambiamento climatico. L’iniziativa partirà da novembre in prossimità del Black Friday e mira a incoraggiare i clienti a prendere posizione contro i consumi eccessivi.

Il rivenditore svedese è pronto a lanciarsi in questa nuova avventura. Tutti dovranno usare il buon senso, sia nell’acquisto che nella vendita.

La rivendita dell’Ikea, di cosa si tratta?

L’azienda svedese ha accettato l’iniziativa poiché spera di aiutare i suoi clienti a rendersi conto dell’eccessivo consumo avvenuto soprattutto in questi ultimi anni. Chiunque voglia potrà vendere unità cassetto completamente assemblate, tavoli, sedie, armadi, scrivanie, scaffalature e armadi. Poi il cliente, che ha aderito all’iniziativa, riceverà un voucher in base alle condizioni dell’articolo rinunciato: “come nuovi” gli articoli riceveranno il 50 per cento del prezzo originale, il 40 per cento per gli articoli “molto buoni” e il 30 per cento per “ben utilizzato”. Al ritorno, i mobili usati saranno ristrutturati e rivenduti ad un prezzo inferiore. La rivendita dell’Ikea vedrà protagonisti 27 paesi, che prenderanno il via con il Regno Unito il 24 novembre. Il programma si sdraierà anche in Australia, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone e Russia. Gli Stati uniti sono assenti dalla lista.

L’iniziativa di riacquisto

Il procedimento per i clienti che intenderanno collaborare è molto semplice. Basterà compilare un modulo fornendo i tuoi dati di contatto personali, informazioni sull’oggetto di arredamento che si desidera vendere e indicare in quale negozio si vuole lasciare l’oggetto. E’ fondamentale allegare quattro foto del mobile. Poi un esperto di IKEA valuterà l’articolo. Se idoneo, arriverà al cliente una mail che indica la valutazione e il prezzo. Una volta accettata l’offerta, è necessario portare il pezzo al negozio. Se l’arredamento non è assemblato, vi verranno forniti gli strumenti per consentire di assemblare i mobili presso il negozio. Una volta in vendita, il cliente riceverà un voucher dal valore concordato.


Precisazione Ikea: nei cataloghi foto a rotazione, nessuna discriminazione.

La vendita di armi all’Azerbaigian: Israele può fermarla?

Commenti